MICHELE SANTORO/ Annozero, reazioni alla lettera inviata ieri al direttore della Rai

- La Redazione

Reazioni alla lettera di Michele Santoro al direttore della Rai. Un tribunale intanto condanna il giornalista a pagare le spese per un’accusa di diffamazione da lui intentata a La Voce della Romagna

santoro_R375-1

Annozero di nuovo in onda dal 23 settembre. Michele Santoro lo ha scritto in una lettera spedita ieri al direttore generale della Rai. Non essendoci trattative in atto, dice Santoro, Annozero deve tornare in onda, essendo il programma quello che rende di più di tutta la Rai dal punto di vista degli ascolti e degli introiti pubblicitari. Scrive Santoro: Dopo averle pubblicamente sollecitate, ho atteso a lungo e invano indicazioni chiare per Annozero, per me e per la mia squadra. Ma è evidente a tutti che le scelte editoriali della Rai non dipendono soltanto dalla valutazione del prodotto, dalle attese degli spettatori, dalle esigenze degli investitori pubblicitari e, più in generale, dagli interessi del servizio pubblico.

E ancora: Le ho scritto per chiederLe di comunicare al Direttore generale che Michele Santoro, dopo un anno di duro lavoro, se ne va in vacanza e tornerà alla fine di agosto per fare Annozero che andrà in onda a partire dal 23 settembre. Sarebbe utile quindi provvedere cortesemente a togliere dal palinsesto il punto interrogativo che ci riguarda sbloccando tutte le procedure aziendali attualmente oggetto di un incomprensibile ostruzionismo. Le reazioni oggi alla lettera, da alcuni giudicata un diktat, sono state alquanto perplesse. Specie il passaggio finale: Le ricordo, infine che Annozero è in onda grazie ad una sentenza del giudice confermata in appello e che chiunque ne ostacolerà la regolare programmazione ne sarà personalmente responsabile.

– Il Giornale, in particolare, in un articolo di Paolo Bracalini, lo definisce “Santorescu” ironizzando sul dittatore romeno Ceacescu. Il Giornale sottolinea che Santoro grazie all’aura di martirio di cui è maestro che gli ha procurato audience e share, si “autorinnova il mandato televisivo includendo se stesso nei programmi dell’anno a venire. Con un tono perentorio che i suoi collaboratori conoscono benissimo, a meno di non far parte della «Cupola», come in Rai chiamavano il cerchio ristretto dei fidati di Don Michele. Sembra di indovinare, nel campione dell’antibavaglio Santoro, un ego talmente vasto da farli sopportare male le decisioni avverse o le critiche”.

Il Giornale ricorda poi che Santoro, infastidito da un articolo su di lui, aveva fatto causa quattro anni fa a un giornale, La voce di Romagna. Nell’articolo si diceva come la moglie del giornalista “Sanya Podgayansky, sia figlia della seconda moglie di Iliano Annibali, famoso imprenditore della zona, proprietario di uno yacht, di una lussuosa villa a Covignano e con ottimi rapporti con San Marino. Insomma l’identikit perfetto del generico j’accuse santoriano ad Annozero. Una provocazione (meglio, «una operazione speculare a quella utilizzata da Annozero» scrive il giudice), che però Santoro aveva preso malissimo, citando in giudizio l’editore (Giovanni Celli, fratello dell’ex direttore generale Rai, una maledizione proprio…) e il direttore, con una richiesta di risarcimento danni esorbitante: 6 milioni e 200mila euro. La Voce aveva anche raccontato altri dettagli del Santoro in versione romagnola: i suoi soggiorni al Gran Hotel di Rimini (simbolo del lusso in Riviera), i lavori di ristrutturazione di una villa vicina a quella del suocero Annibali, sul colle di Covignano. Quanto basta per far infuriare il difensore della libera stampa e fargli chiedere il bavaglio per i presunti diffamatori”.

Conclude Il Giornale: “Il tribunale di Rimini però gli ha dato torto, e il 26 giugno ha stabilito che «gli scritti, nel loro complesso, non hanno travalicato il limite connesso all’esercizio del diritto di critica, ricorrendo all’esposizione di un fatto sostanzialmente vero”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori