ARRIVEDERCI RAGAZZI/ Trama del film di stasera, 23 agosto 2010 di Louis Malle. Rai Storia ore 21.00

- La Redazione

Stasera sui Rai Storia il film di Louis Malle del 1987 vincitore del Leone dOro alla 44 mostra internazionale del cinema di Venezia.

arrivederciragazzi_r375

Arrivederci ragazzi – trama del film di stasera, 23 agosto 2010 di Louis Malle. Rai Storia ore 21.00 –  Stasera sui Rai Storia il film di Louis Malle del 1987 vincitore del Leone dOro alla 44 mostra internazionale del cinema di Venezia. Il film è ambientato nel Collegio dei Carmelitani Scalzi di Fontainebleau nel 1944. Il film è basato anche su alcuni episodi vissuti personalmente dal regista durante linfanzia. A 11 anni Louis Malle frequentava una scuola cattolica vicino a Fontainebleau, quando assistette a un raid della Gestapo in cui tre studenti e un insegnante ebrei furono arrestati e deportati a Auschwitz.

Il preside della scuola, Lucien Bunel – padre Jacques de Jèsus, fu arrestato per averli ospitati e fu mandato al campo di concentramento di Mauthausen. Morì poco dopo la liberazione del campo da parte dell’esercito americano, essendosi rifiutato di lasciarlo finchè l’ultimo prigioniero francese non fosse stato rimpatriato. Quaranta anni dopo lo Yad Vashem insignì padre Jacques del titolo di “giusto tra le nazioni”.

Per continuare a leggere clicca il pulsante sotto >>

La trama – Un ragazzo undicenne di nome Julien Quentin viene mandato, con il fratello maggiore François in un collegio di religiosi,dopo essere stati costretti a separarsi dalla madre a causa della guerra. I due fratelli arrivano al collegio insieme ad altri ragazzi benestanti. La vita di Julien cambia quando conosce un suo coetaneo, Jean Bonnet, timido e molto misterioso. L’iniziale antipatia si trasforma piano piano in una grande amicizia. Così Julien scopre il segreto di Jean Bonnet: in realtà è un ebreo e il suo vero nome è Jean Kippelstein. Jean ha trovato ospitalità sotto falsa identità nel collegio, per sfuggire alle persecuzioni razziali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori