X FACTOR 4/ Eliminati Effetto Doppler. Nevruz e Stefano vincitori possibili? Puntata 28 settembre 2010, resoconto e pagelle

- La Redazione

Elio elimina effetto, Rugge elimina Manu, Mara elimina effetto Tata

Pubblicità

X Factor 4 – Eliminato della quarta puntata: Effetto Doppler Il resoconto e le pagelle A  X Factor 4 è di nuovo Enrico Ruggeri a perdere uno dei suoi gruppi vocali. Dopo leliminazione dei Borghi Bros, questa settimana sono gli Effetto Doppler a lasciare il talent show di Rai Due. Una lunga sfida unica, un tutti contro tutti dove alla fine sono stati il gruppo vocali e Manuela, della squadra 25+ di Elio, ad affrontarsi nello scontro finale. I quattro giudici hanno preferito la sofisticata Manuela alla pur promettente boy band. Elio ha eliminato il gruppo, Ruggeri ha salvato i suoi. Mara Maionchi e Anna Tatangelo hanno espresso lo stesso giudizio di Elio. Tranne nella prima serata, il meccanismo del tilt, che prevede in caso di parità il giudizio del televoto, non è stato più necessario usarlo.

Pubblicità

Tante le belle sorprese della serata, a partire dalla carismatica e coinvolgente esibizione dellospite della serata, Anna Oxa, tornata in tv in forma smagliante e un gran voce (peccato in palyback) con Tutto lamore intorno. Momento atteso lesibizione di Nevruz, che su richiesta di Elio ha dissacrato Noi ragazzi di oggi di Luis Miguel, regalando uno spettacolo che di solito non si vede in prima tv, tra installazione, voce sporca e coreografia anarchica. Davvero un coraggioso ma ben riuscito azzardo da parte di Elio, che sicuramente i moltissimi fan di Nevruz avranno apprezzato. Uninedita esibizione anche per Stefano Filipponi, che dopo le commoventi e romantiche Buonanotte Fiorellino e Quanto ti amo si è lanciato in unaggressiva Lady Marmelade che ha regalato un lato ironico e gioioso del promettente talento.

X Factor 4 le pagelle – i voti ai principali protagonisti della puntata del 28 settembre 2010

 

Francesco voto 8,5 – Bravo Facchinetti. Ormai domina la scena. Al pubblico piace, e a lui piace il pubblico. Non è cosa da poco. Continua, invece, a sapersi districare tra il ruolo di affabula-popolo e quello di conduttore istituzionale. Il capitano è un lontano ricordo, ma sa ancora usare l’uncino per bucare lo schermo…

 

Pubblicità

Elio voto 9 – Istrionico, camaleontico, competente. Vestito da maraja e agghirlandato di goielli riesce comunque a essere serio. Unica pecca: è forse troppo serio. Ci piacerebbe, ogni tanto, riavere indietro il vecchio Elio a cui non si irrigidisce la mascella per le frecciate della Maionchi. Ma forse l’ironia trattenuta lo rende uno tra i giudici più autorevoli.

 

Nevruz voto 9 – E’ l’"Ozzy Osburne de noantri": stralunato, sopra le righe, gli occhi sbarrati, l’incedere incerto, la trasgressione, il trucco pesante. Ce lo ricorda tanto, anche nella voce. Soprattutto nella voce. E, come Ozzy, dietro il cerone e il fondotinta scuri, un animo fragile e disarmato. Che, agli occhi dolci della prima Cassandra, si scioglie come il burro. Nel suo, è un artista. Certo. Elio lo ha capito, e punta su questo. Ci chiediamo: anche X Factor punterà su di lui?

 

Stefano Filipponi voto 9 – Una vera sorpresa, ha lasciato la valle di lacrime delle precedenti puntate per mettere le “mani nella marmellata” trasportandoci con la sua voce al Moulin Rouge. Che grinta! Chapeau.

 

Mara Maionchi voto 8 – Ha dimostrato di saper scompaginare la carte in tavola. E’ più misurata, ma sono ancor più caustici i suoi giudizi ed è riemersa, più tagliente e precisa di prima, la sua vena ironica. Specie quando, quasi ogni volta che apre bocca, fa andare il sangue alla testa ad Elio…. Ma un po’ abbiamo nostalgia della sua incontinenza verbale e dell’esuberanza romagnola che tanto ci piace.

 

Kymera voto 9 – Ruggeri e Tomassini li hanno fatti cantare mentre dovevano ondularsi avanti e indietro. Un’impresa non facile, che ha svelato ulteriormente le loro doti canore. Siamo tutti stati con il  “Breathe” sospeso perché sarebbero potuti cadere da un momento all’altro….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori