SALVADOR DAL/ (Video) Il cortometraggio Destino realizzato per Walt Disney

- La Redazione

Salvador Dalì, ecco il cortometraggio dal titolo «Destino realizzato per Walt Disney. Un cartoon in cui gli elementi di animazione classica, con l’apporto di una personalità artistica d’eccezione, si mescolano alla computer grafica

dalC3AC-salvador-destino-r375
Pubblicità

Salvador Dalì, ecco il cortometraggio dal titolo «Destino realizzato per Walt Disney. Un cartoon in cui gli elementi di animazione classica, con l’apporto di una personalità artistica d’eccezione, si mescolano alla computer grafica. Nel 1945 Salvador Dalì inizia una collaborazione con la casa americana: il progetto lo vedeva disegnatore insieme a John Hench per un cortometraggio, con musiche di Armando Dominguez. I disegni e bozzetti vengono terminati da Salvador Dalì in otto mesi, ma la crisi legata anche alla seconda guerra mondiale interrompe lo svolgimento del progetto. Nel 2000, durante la realizzazione di Fantasia 2000, Roy Edward Disney riprende in mano il progetto con l’idea di portarlo a termine.

 

Pubblicità

Per il completamento del cortometraggio di Salvador Dalì vengono incaricati gli studios Disney di Parigi: un team di 25 animatori si dà da fare con l’interpretazione dei disegni criptici lasciati dai due artisti. Il risultato è un cortometraggio dal titolo Destino, in cui gli elementi di animazione classica, con l’apporto di una personalità artistica d’eccezione come Salvador Dalì, si mescolano alla computer grafica. Ora la domanda è: se il cortometraggio con i disegni di Salvador Dalì avesse visto la luce nei primi anni della progettazione, ipoteticamente tra il 46-48, avrebbe modificato, anche solo in parte, il corso della storia del cinema d’animazione?

 

I gusti del pubblico? Gli interessi, le ricerche degli artisti? La percezione e la valorizzazione dell’autonomia degli artisti nel campo del cinema d’animazione? Basti pensare a quanto i lungometraggi della Walt Disney si siano impressi nella memoria di più generazioni, indirizzandone i gusti, per rendersi conto del ruolo anche culturale avuto da questa grande «azienda».

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori