MIKE BONGIORNO/ Allegria Day: a un anno dalla scomparsa del conduttore, l8 settembre la tv italiana lo ricorda

- La Redazione

Domani le maggiori televisioni ricordano la scomparsa di Mike Bongiorno

Mike_BongiornoR375_08_sett_2009
Pubblicità

Mike Bongiorno un anno dopo. L8 settembre 2009 moriva il più amato e popolare dei conduttori televisivi italiani. Adesso in occasione del primo anniversario tutte le maggiori reti televisive italiane lo ricordano con programmi e speciali tv. La Rai manderà in onda due speciali. Il primo alle 10 allinterno della trasmissione Unomattina estate.

Si guarderanno e si commenteranno spezzoni di programmi come Lascia o raddoppia. Anche un divertentissimo duetto radiofonico tra Mike e Fiorello. In studio saranno presenti Georgia Luzi e Pierluigi Diaco e Giuliana Longari, famosa campionessa del Rischiatutto di Mike. Il secondo alle 18 sempre su Rai Uno. Andrà in onda uno speciale del programma Da da da tutto dedicato a Bongiorno, 40 minuti con immagini rare di dietro le quinte, interviste e altro. Allegria Day è invece il titolo della giornata in onda su Sky, la televisione per cui Mike stava preparando il suo nuovo programma quando è scomparso.

Dalle 10.30 alle 23.00 una sequenza di contributi inediti e di immagini dei momenti clou della carriera di Mike. Tra gli inediti tre speciali di un’ora, realizzati per Sky dalla famiglia Bongiorno, che propongono interviste esclusive a tre personaggi cari a Mike: Fiorello «il compagno di giochi, amico, e partner televisivo, Pippo Baudo, eterno e acerrimo amico, Fabio Fazio suo grande amico, collega e confidente.

Pubblicità

– Non mancheranno divertenti filmati con l’irresistibile coppia Mike-Fiorello, dagli spassosi spot, alla memorabile «ospitata» al «Fiorello Show» e una clip inedita con il backstage e i dettagli del «RiSkytutto», l’ultima scommessa di Mike, il quiz-show che avrebbe dovuto far rivivere su Sky Uno il più celebre quiz della storia della tv. Ci saranno anche ricordi personali della moglie Daniela e dei figli Michele, Nicolò e Leonardo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori