DOCUMENTARI TV 18 DICEMBRE 2011/ Dixit Il bacio Perugina, e , Res Tore Nascita del Partito Comunista

- La Redazione

I documentari in onda stasera 18 gennaio 2011

programmitvR400
Fonte: Fotolia
Pubblicità

Documentari tv (principali canali gratuiti) 18 gennaio 2011 Stasera in Dixit si parla della vita di Luisa Spagnoli, ricordata per aver ideato il cioccolatino Bacio Perugina. Tutto ha inizio con una drogheria, dove si producono dei confetti, di proprietà di Luisa e del marito Annibale Spagnoli. Nel 1907 Luisa Spagnoli apre con il marito Annibale e Francesco Buitoni una piccola azienda con sede nel centro storico di Perugia.

E la Perugina, che ha allora solo quindici dipendenti. Alla fine della prima guerra mondiale la fabbrica ha più di cento dipendenti. Nel 1923 Annibale Spagnoli si ritirà dallazienda. Dentro questo sodalizio tra i Buitoni e Luisa Spagnoli nasce il famoso Bacio Perugina. In seguito si parlerà dello scrittore bosniaco Predrag Matvejevic. Questo scrittore è nato a Mostar nel 1932 da padre russo e da madre croata della Bosnia-Erzegovina.

Secondo il giornalista Ennio Remondino, per anni inviato in quella zona così cruciale del mondo, Matvejevic è lultimo jugoslavo che conosco, nonostante le critiche portate avanti dallo scrittore negli ultimi anni del regime di Tito. Professore allUniversità di Zagabria, Matvejevic è emigrato allinizio della guerra nellex Jugoslavia. Ha insegnato alla Sorbona di Parigi. E uno dei più autorevoli rappresentanti della cultura letteraria di questa parte dellEuropa.

Documentari tv (principali canali gratuiti) 18 gennaio 2011 – In Res Tore invece si parla della nascita del Partito Comunista Italiano avvenuta il 21 gennaio 1921 a Livorno.

Pubblicità

I documentari tv (principali canali free) del 18 gennaio 2011 – prime time

Rai Storia – ore 21,00 Dixit “Spagnoli Matvejevic”

Rai Storia – ore 23,00 Res Tore “Nascita del Partito Comunista”

Rai Storia – ore 00,01 Mille papaveri rossi “Sapere, spie e commandos nella Resistenza Europea – URSS 1941: un esercito partigiano”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori