ZELIG 2011/ Video, riassunto della puntata di ieri 28 gennaio 2011. Record di ascolti

- La Redazione

Il riassunto della puntata di ieri di Zelig

zelig_bisio_cortellesiR400
Paola Cortellesi e Claudio Bisio

Anche ieri 28 gennaio la puntata di Zelig ha battuto ogni altro programma della serata. Nuovo successo per Zelig che ha ottneuto 6.551.000 telespettatori con il 25.50% di share ( 30.26% sul target commerciale).

Il varietà comico condotto da Bisio-Cortellesi risulta il più visto della giornata. Nella puntata di ieri sera solita ravvolgente carrellata di sketch e battute. E’ tornato anche Albertino, voce di Marco Ranzani, il bullo un po’ buscai, che ire sera ha finto di essere anche Chicca, la figlia di Bisio. Tra i momenti più di successo, la straordinaria esibizione del solito assessore Palmiro Cangini, con battute sul tema del momento, ad esempio: “Articolo 1: L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro…quello più antico del mondo!”.

Ne ha anche per il magistrato Ida Bocassini definita la sorella di Vanna Marchi: “Berlusconi ha il cuore buono, ha aiutato la povera Ruby che scende con il tacco 12 dalla Ferrari con Lele Mora e Emilio Fede, due disgraziati che sono andati a chiedere aiuto anche dalle suore, e poi li ha aiutati Berlusconi; Viva l’italia e Viva il Bunga Bunga!”.

Altro momento davvero riuscito il duetto fra Claudio Bisio che fa Bono degli U2 e Paola Cortleessi che fa Mary J Blidge nel brano degli U2 One. Il monologo di Gene Gnocchi: "Sandro Bondi mi ha chiamato ma Berlusconi mi ha dato le deleghe per il bucato, ma ho messo i vestiti del Gabibbo e quelli di Berlusconi con un libro dei comunisti: adesso sono usciti i vestiti di Berlusconi rossi con il simbolo sopra della falce e martello! – La soluzione? Mettere Berlusconi nel vestito del Gabibbo che all’estero fa miglior figura!". Poi da ricordare  la nuova irriverente imitazione del sindaco Moratti da parte della sempre brava Cortellesi. Questi alcuni dei momenti migliori di un’altra grande serata di Zelig.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori