LESPLOSIVO PIANO DI BAZIL/ La favola buffa di Jeunet che mette in gioco i bisogni reali delluomo

Le emozioni, afferma MATTEO CONTIN, sono lasciate a “Il favoloso mondo di Amelie”. In questa pellicola c’è delicatissima poesia circense, che fa i salti mortali sui cuori di piccoli uomini

03.01.2011 - Matteo Contin
l_esplosivo_piano_di_bazilR400

Prima di tornare in sala ad incontrare nuovamente il folle mondo del francese Jean-Pierre Jeunet, abbiamo dovuto aspettare cinque lunghissimi anni. In realtà, per il mercato italiano, gli anni sono sei, visto che l’ultima fatica del regista di “Delicatessen” e de “Il favoloso mondo di Amelie” arriva in Italia a quasi un anno di distanza dall’uscita nelle sale francesi. Poco male, siamo già contenti che  “L’esplosivo piano di Bazil” sia arrivato anche da noi. Sono passati cinque anni quindi, dal sottovalutato “Una lunga domenica di passioni”, e sono stati cinque anni in cui Jeunet deve aver riflettuto in maniera concreta e decisa su quale piega far prendere al suo cinema pur rimanendo fedele a sè stesso. E la risposta ci è subito chiara: gli spettatori dovevano dimenticarsi di Amelie.

Non dimentico del passaggio dal cinismo grandguignolesco di “Delicatessen”, alla colorata poesia delle piccole cose de “Il favoloso mondo di Amelie”, Jeunet fa un ulteriore passo avanti nella sua visionaria cinematografia, costruendo il suo ultimo film come una grande favola dai meccanismi precisi e ben oliati, dove la struttura del racconto, la sua morale (se così vogliamo chiamarla) ed i suoi personaggi hanno un’importanza maggiore rispetto alle emozioni vere e proprie, che erano il motivo più lampante del meritato successo de “Il favoloso mondo di Amelie”. 

“L’esplosivo piano di Bazil”, proprio come nelle favole, parte raccontandoci la storia del nostro strambo eroe, Bazil, commesso in una videoteca che viene accidentalmente colpito alla testa da un proiettile che però non gli viene estratto, lasciandolo quindi in costante pericolo di morte. Perso il lavoro e la casa, Bazil si unisce ad un gruppo di trovarobe che lo aiuteranno nella sua missione: vendicarsi dell’azienda che ha prodotto il proiettile che si ritrova in testa e anche dell’azienda che aveva prodotto anni addietro la mina che causò la morte prematura di suo padre.

Cosa aspettarsi da un film di Jeunet se non una sequela infinita di trovate, stramberie e freaks da circo di recupero? "L’esplosivo piano di Bazil" ha tutte queste cose, sorrette da una sceneggiatura che non sbaglia un colpo nell’ordire le trame di una vendetta naive e buffa (ma reale e pulsante nei suoi bisogni) portata avanti da un gruppo di strani personaggi ottimamente caratterizzati in fase di scrittura e fatti vivere con la solita bravura dagli attori di cui Jeunet ama circondarsi. La nuova entrata del Clan Jeunet è anche quella che stupisce di più: Dany Boon, fresco del successo di "Giù al nord" e qui protagonista della pellicola, ci offre un’interpretazione degna dei migliori attori del cinema muto, dove la mimica facciale e gli studiati movimenti del corpo diventano più importanti delle parole.

Perchè in fondo, "L’esplosivo piano di Bazil" non è altro che un grande cartone animato con attori in carne ed ossa, con situazioni surreali e trovate al limite dell’incredibile che portano avanti la storia in maniera assolutamente originale e sorprendente.

Ma l’emozione quindi dove sta? L’emozione è da un’altra parte, è ne "Il favoloso mondo di Amelie", è in "Una lunga domenica di passioni". Qui c’è delicatissima poesia circense, che fa i salti mortali sui piccoli cuori di quelle piccole persone e che infine scoppia in una fragorosa risata su cui aleggia, sempre e comunque, il dolore e la paura della morte (di cui però piace dimenticarci, perchè i baci flessibili di una contorsionista valgono molto di più).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori