SIMONCELLI/ A Matrix la mamma e la fidanzata Kate Fretti ricordano il Sic (riassunto puntata)

- La Redazione

Ieri la trasmissione Matrix, condotta da Alessio Vinci, ha dedicato la puntata a Marco Simoncelli, il pilota di Motogp scomparso domenica dopo un incidente in gara

Simoncelli_r400
Marco Simoncelli, foto Ansa
Pubblicità

Riassunto puntata Marco Simoncelli a Matrix – Il conduttore Alessio Vinci ha introdotto, nella puntata di Matrix di ieri sera, un lutto che ha colpito tutto il mondo sportivo e non, in maniera trasversale: quello del motociclista Marco Simoncelli. ”Meglio 5 minuti in moto che una vita sprecata”, questa è la frase d’esordio della trasmissione, seguita, subito dopo, dalle parole del padre, intervistato dalla giornalista Ilaria Cavo: ”Lui era un guerriero, glie l’ho insegnato io, non so se ho fatto bene”. Traspare un represso senso di colpa, da queste parole. Ringrazia tutti per l’affetto, ma la sua voce è commossa e fa fatica a parlare. Poi aggiunge: “Domenica voleva vincere… bastavano dieci centimetri e non sarebbe accaduto… è bellissimo anche cosi, da morto”. Mentre parla scorrono le immagini delle sue vittorie, cosi vicine e allo stesso tempo lontane. “Domenica”, aggiunge il padre (leggi l’articolo di Ballerini sui genitori di Simoncelli), “dalle immagini ho capito subito che era finita… una volta in pista gli ho detto: ciao Marco! e gli ho preso la mano, ormai fredda”. Spiega con orgoglio: “Lui era un guerriero, ce l’aveva nel sangue”. Nella seconda intervista mostra la stanza di Marco, i suoi oggetti, il suo libro, la passione per il Milan e i suoi caschi. Poi, intervistato, spiega: “come ogni domenica, gli ho detto stai attento… ma quando arriva il tuo momento puoi essere dove vuoi”. Si commuove ancora mente parla: “Tutto quello che voleva l’ha avuto, tutte le piccole cose che amava… voleva tornare a casa, ora è tornato per sempre”. Paolo Simoncelli ha fatto portare la sua motocicletta ai funerali (leggi l’articolo di Doninelli sull’incidente di Marco), con l’intenzione di tenerla accanto a Marco nell’ultimo volo. 

Pubblicità

Ilaria Cavo, inviata della trasmissione, si collega con Coriano, il paese di nascita di Marco. È gremito di gente. In studio sono presenti Guido Meda (cronista di Italia 1) e Andrea De Adamich (ex pilota), con Alessia Cruciani della Gazzetta dello Sport. In collegamento Raffaele Morelli (psichiatra) e Giacomo Agostini (ex motociclista). Il suo consulente sportivo lo saluta con parole toccanti, definendolo “un caposquadra, molto più maturo della sua età, contrariamente a quello che poteva sembrare”. Lo definisce un pilota d’altri tempi, che puntava molto sull’amicizia. 
Subito dopo, le parole della mamma (leggi la lettera di Monica Mondo ai genitori di Simoncelli): ”Noi lo dobbiamo mantenere vivo, cercando di vivere al meglio, per lui, per Martina (la sorella)… sono contenta di essere sua madre, il suo chiasso ci mancherà, in casa si sentiva molto”. Alessia Cruciani dichiara: “Se era cosi umile lo deve ai genitori. È una famiglia invidiabile. Il primo pensiero del padre è stato che donasse gli organi”. Poi spiega: “Nel motomondiale si crea un legame forte con i piloti, non è come la formula uno”. Poi, sul rapporto di Marco con Valentino Rossi: “Valentino lo ha sempre difeso come farebbe un fratello maggiore”. 

Pubblicità

Guido Meda da studio dichiara: “Non serve avere nessun senso di colpa. Tutto ha avuto senso cosi com’è stato”. Poi, su di lui: “Era cosi come lo vedevate in TV”. Alessio vinci gli fa la domanda più difficile, chiedendogli cosa ha provato durante la diretta. Meda risponde: “Quello che è successo in diretta non lo auguro al mio peggior nemico… abbiamo capito subito l’accaduto, ma ci siamo aggrappati a un punto interrogativo… un telecronista sportivo racconta la sala giochi, non è preparato a questo”. Giacomo Agostini, in collegamento, analizza la sua crescita professionale non senza commozione. Parla del loro particolare rapporto e dei consigli che lui ha sempre dato al motociclista scomparso. 

Durante la trasmissione, numerosi video, uno dei quali ritrae il rapporto di Marco con Valentino Rossi, e la toccante reazione di quest’ultimo subito dopo l’incidente. Raffaele Morelli dice: “La cosa più difficile che un genitore può fare è rispettare il tuo talento… non era un divo, era una persona spontanea”. 

Dal collegamento con Ilaria Cavo arrivano contributi anche dal parroco, dagli amici di famiglia e da una fondazione per disabili da lui sostenuta. Inoltre, l’intervista di Kate, la sua ragazza: “Posso solo conviverci con questo dolore. All’inizio credevo di non farcela… per me, per i genitori di Marco, ora sono quasi convinta di potercela fare. Oggi sono andata nella nostra casa, ho provato a dirgli che mi aveva detto che non ci saremmo mai lasciati, e invece si è sbagliato. Ci ho provato a dirglielo, ho pensato che magari mi succede come in “Ghost”, lo avete mai visto il film? … tutti dicono che sono giovane, ma non sono fortunata: ho ancora settant’anni davanti prima di raggiungerlo, è lunga”. Domenica lei era li, mentre l’incidente succedeva: “Quando ho visto che non aveva il casco ho capito che non c’era niente da fare, ho pregato…”. Poi conclude con queste parole: “Lui in ogni gara diceva, se qualcuno si faceva male, ‘oh sono le corse, se non vuoi farti niente stai a casa’. E ora penso che vorrebbe che finissi quest’intervista dicendo ‘oh sono le corse’”. 

Andrea De Adamich di lui dice: Questa sua spontaneità ha creato il suo personaggio… non ho mai riscontrato una famiglia cosi genuina, unica”. Poi, la trasmissione conclude con un video delle migliori frasi dei suoi fan. Una di queste racconta: “Ora nel cielo ci sono 58 nuove stelle, le più belle, le più luminose. Ciao Marco”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori