MASTERCHEF ITALIA/ Si parte con la Mistery Box, Federico eliminato a fine puntata

- La Redazione

Questa puntata di Masterchef ha inizio con la prova della mistery box. I concorrenti devono essere pronti a cucinare con gli ingredienti presenti nella scatola a sorpresa: gara da brividi

masterchef_castR425
Gli inflessibili giudici

Masterchef Italia – Questa puntata di Masterchef ha inizio con la prova della mistery box. I concorrenti devono essere pronti a cucinare con gli ingredienti presenti nella scatola a sorpresa, utilizzandoli tutti o solo in parte e consegnando entro 60 minuti il loro piatto. L’ospite è l’attrice napoletana Tosca d’Aquino e gli ingredienti sono stati scelti proprio da lei. Sono, quindi, ingredienti napoletani: mozzarella di bufala, scialatielli, scarola, lupini, paranza, salsiccia, pomodoro, alici, melanzane, e un panetto di pasta lievitata. Imma e Luisa sono napoletane e, quindi, giocano in casa. Secondo Tosca un Masterchef deve essere in grado di coniugare la tradizione con l’estrosità.
Danny di fronte a questi ingredienti dice di avere troppe idee e di non sapersi decidere. Luisa prepara gli scialatielli con un sugo di vongole e paranza, ma viene subito redarguita da Barbieri perchè sta masticando la gomma, che altera i sapori durante l’assaggio. L’abbinamento scelto da Danny tra le vongole e la mozzarella sembra un pò azzardato. Federico è tutto sudato, invece Luisa no. Lei dice che cucinare non stanca. Federico, benchè stanco, sembra essere sicuro della propria ricetta, le pizzette con mozzarella, scarola, pomodoro, vongole e pinoli e dice di aver spurgato bene le vongole. Quando mancano cinque minuti viene detto ai concorrenti di impiattare per valorizzare al meglio il lavoro svolto.
E’ il momento del verdetto e la giuria: Cracco, Barbieri, Bastianich e Tosca deve decidere chi ha interpretato al meglio la cucina napoletana. I tre piatti migliori sono quello di Danny, quello di Luisa e quello di Imma. Tosca dice che il piatto di Danny è buono, però manca il colpo di genio. Quello di Luisa che si chiama “nonno angelo”, viene definito da Barbieri un overdose per il palato. Imma ha avuto il coraggio di staccarsi dalla tradizione con il suo piatto “Femmina” una mozzarella aperta con dentro la scarola. Barbieri ironizza sul fatto che i suoi titoli sono volutamente provocanti.
Luisa è rimasta nella tradizione, e vince, viene condotta a scegliere l’ingrediente principale della prossima sfida, l’invention test. Il tema viene scelto dai giudici, ed è la palude. Luisa può scegliere tra lumache di terra, anguilla, e rane, lei sceglie le rane. Ilenia è sicura che la scelta sia stata strategica per mettere tutti loro in difficoltà. In tre minuti i concorrenti devono scegliere gli ingredienti che intendono utilizzare. A Spyros le rane fanno proprio schifo. Ilaria fa un piatto di rane in besciamella. Spyros fa il risotto di rane con pancetta e funghi. Luisa le fa fritte in pastella con aceto balsamico ridotto. Barbieri la corregge perchè è un errore ridurre l’aceto balsamico, in quanto è già cotto.

Imma prepara un’insalata calda e fredda con coscette di rana impanate e fritte. Danny prepara delle rane croccanti su una crema di riso con il cardamomo. Federico è in difficoltà, e non si capisce bene cosa stia preparando. Saranno scelti il migliore e i tre peggiori. Barbieri ha dovuto ingoiare l’osso della rana perché Luisa non lo aveva tolto. Il piatto di Danny non piace molto a Barbieri, perchè gli ricorda il riso al latte che mangiava dalle suore. L’insalate di Imma non convince, i giurati dicono che non ci sono grandi idee. Federico non è contento del proprio piatto: rane al latte con salsa di cipolle e gorgonzola. I giudici ne sono molto delusi. Quello di Spyros è l’unico primo: risotto con rane e funghi con lo zafferano, ma il vino sovrasta un pò il tutto. Luisa vince la prova. I peggiori sono Federico, Spyros ed Imma. 
Federico non potrà partecipare alla prossima prova in esterna, e dovrà affrontare la persona che uscirà dal pressure test. I concorrenti dovranno affrontare la confraternita del baccalà alla vicentina. La prova di oggi consiste nel cucinare la ricetta originale della tradizione. Ci sarà un solo vincitore e gli altri andranno tutti al pressure test. Luisa, avendo vinto, avrà il segreto della ricetta originale. Ilenia è veneta e, quindi, dovrebbe conoscerla. Il baccalà si deve cuocere molto lentamente, non deve mai bollire. Gli ingredienti sono: latte, olio, sarde, cipolla, sale, pepe, parmigiano reggiano. 
I ragazzi hanno anche a disposizione una pergamena con i passaggi principali senza le dosi. Spyros si sente troppo osservato. Dopo quattro ore e mezza vince Ilenia. Gli altri vanno al pressure test, ed il peggiore si sfiderà con Federico. La sfida consiste nel preparare la salsa bernese, che è simile alla maionese ma fatta con burro chiarificato. E’ una prova di abilità; il primo che finisce darà lo stop del tempo agli altri. Luisa dà lo stop per strategia, perchè la sua salsa sta impazzendo e non avrebbe avuto il tempo di correggerla. 
In questo modo colpisce Spyros che era quello più indietro nella preparazione, anche se la sua salsa era la migliore di sapore. Spyros va al duello con Federico. La sfida è su un dolce tipico piemontese: la panna cotta da prepararsi in venti minuti con l’abbattitore. La cosa più difficile è la consistenza e Federico si è accorto di aver sbagliato le dosi della colla. Nonostante presenti comunque il suo piatto ai giudici, Federico deve lasciare Masterchef.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori