DON MATTEO 8/ Il Giorno più bello: la fiera dell’abito da sposa si trasforma…

- La Redazione

La puntata ‘Il giorno più bello’ ha inizio in una fiera dell’abito della sposa. A dirigere la sfilata c’è il famoso stilista Giorgio Alfieri, un vero playboy. Ma presto sarà nei guai…

donmatteo_hillR375

Don Matteo 8 primo episodio, “Il Giorno più Bello” 3 novembre 2011 – La puntata s’intitola “Il giorno più bello”, e ha inizio in una fiera dell’abito della sposa. A dirigere la sfilata c’è il famoso stilista Giorgio Alfieri, un vero playboy che nella sua vita ha collezionato numerose conquiste, ma che adesso sembra aver messo la testa a posto. E’ infatti fidanzato con una giovane donna, che inoltre attende da lui un bambino. La realtà però è ben diversa, infatti la ragazza, avendo a portata di mano la ghiotta occasione di accasarsi con un ricco e bello stilista, fa di tutto per restare incinta e tenersi ben stretto il suo Giorgio. Questa gravidanza però non suscita soltanto gioia nell’ambiente e curiosità da parte dei giornalisti, infatti nel gruppo di lavoro della fiera c’è chi è perdutamente innamorato di Giorgio, e farebbe di tutto pur di averlo.
Qualcuno si introduce nel camerino di una modella, Elisa, aggredendola e tentando di soffocarla con un cuscino premutole sul volto. Fortunatamente la giovane riesce a scampare alla morte, urlando e mettendo in fuga l’assassino. Tutto l’ambiente è evidentemente scosso, e i carabinieri accorrono sul posto per indagare. Qui parlano con Elisa, che però non è riuscita a vedere in faccia l’assassino, e riesce soltanto a dire che si trattava di una donna. Il capitano decide allora di proteggere la ragazza giorno e notte, affidandola alla custodia di alcune guardie.
Le indagini proseguono e i sospetti ricadono ben presto sulla moglie di Alfieri, che i carabinieri pensano possa essere stata gelosa del rapporto tra Elisa e suo marito, e così, in preda a un folle attacco di gelosia, abbia tentato di farla fuori. Dopo pochi giorni però la donna viene rilasciata, data la totale assenza di prove, e inoltre viene dichiarata totalmente estranea ai fatti. Come sempre accade Don Matteo dà inizio alle sue indagini personali, parlando con tutti gli addetti ai lavori della fiera, ai quali chiede del rapporto tra Giorgio e le modelle, scoprendo che Elisa era una delle sue tante spasimanti, innamorata da tempo di lui.
Scopre però che la donna gelosa maniacalmente di Alfieri in realtà non era Elisa, come i carabinieri avevano ipotizzato inizialmente, bensì Clementina. Questa era una giovane sarta da tempo infatuatasi dell’affascinante stilista, che aveva letteralmente perso la testa quando aveva scoperto delle sue nozze. Così, dopo aver scoperto anche del bambino in arrivo, era esplosa dalla rabbia sapendo che durante la fiera sarebbe stata proprio la moglie di Alfieri a indossare il suo abito da sposa.
Ovviamente questo era qualcosa che non poteva affatto accettare, e così aveva tentato di ucciderla. Don Matteo però, pur sospettando di lei, crede ancora, come del resto i carabinieri, che la donna in pericolo di vita sia Elisa, dal momento che era stata lei a rischiare di morire nel suo camerino. Stando però nel backstage della fiera assiste a una strana scena. Un facchino infatti deve consegnare alcuni abiti per la moglie di Alfieri, ma si avvicina al camerino di Elisa, la quale lo nota e lo avverte dell’errore, indicandogli poi la stanza esatta.
Il prete allora collega tutti i punti, capendo che anche il giorno del tentato omicidio c’era stato uno sbaglio di camerino. Dunque Clementina era erroneamente entrata nel camerino di Elisa, seguendo semplicemente l’abito da sposa, e aveva così aggredito la donna sbagliata.
Immediatamente Don Matteo si precipita dai carabinieri, e dice al capitano che è la moglie di Alfieri a dover essere protetta e che la colpevole è Clementina. Giusto in tempo la donna viene smascherata e arrestata, e così anche stavolta, grazie soprattutto all’intuito del geniale prete, il criminale è stato arrestato, riuscendo a evitare un omicidio.
Parallelamente alle indagini però la puntata si concentra anche sulle vicende amorose dei protagonisti, mostrando la difficile situazione venutasi a creare tra la madre del Capitano e il Maresciallo. Infatti, in assenza della futura sposa, partita per la Spagna, lo sposo e i due consuoceri iniziano a occuparsi dei preparativi del matrimonio imminente. Il Maresciallo però viene ben presto fatto fuori dall’organizzazione, e in pratica tutto è nelle mani della madre del Capitano. Questa, contro anche il parere di suo figlio, sceglie addobbi, vettovaglie e perfino una torta troppo costosi.
La sola torta nuziale infatti verrebbe a costare ben 3500 euro. Sono proprio le elevate cifre a scatenare i dissidi, e così, dopo un duro faccia a faccia, il Maresciallo, accusato d’essere un cafone, non rivolge più la parola alla madre del Capitano, mettendo in serio pericolo il matrimonio stesso. 

Don Matteo però, scoperta la vicenda, tenta di fare di tutto per riappacificare i due. Decide così di far tornare a sorpresa Patrizia che, vestendo un abito da sposa provvisorio, incontra sia il padre che la suocera, riuscendo così a risolvere l’intera questione. 
Si conclude così la puntata, con un caso risolto e un altro ostacolo superato dai due sposini che, tra l’iniziale disaccordo del padre di lei e i progetti faraonici della madre di lui, sembrano davvero dover patire le pene dei promessi sposi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori