MELAVERDE/ Anticipazioni puntata del 6 febbraio 2011, alle 12.00 Alla scoperta del Parco dellAdamello Brenta

- La Redazione

Anticipazioni della puntata del 6 febbraio 2011, alle 12.00, su Rete 4

Raspelli_EdoardoR400
Edoardo Raspelli (Foto Imagoeconomica)
Pubblicità

Melaverde Anticipazioni della puntata del 6 febbraio 2011, alle 12.00, su Rete 4 – Nuova puntata di Melaverde, lappuntamento di Retequattro con lagricoltura, lambiente e le tradizioni eno gastronomiche, condotto da Edoardo Raspelli ed Ellen Hidding. Questa domenica Edoardo Raspelli è in Trentino alla scoperta del magico mondo delle mele. Esistono più di mille varietà di mele al mondo. Questo per capire che è veramente un prodotto eccezionale. E la mela è sicuramente il frutto più famoso della storia. Addirittura presso gli antichi romani era consuetudine iniziare il pranzo con le uova e finirlo con le mele. La mela è originaria del Mar Nero e del Mar Caspio.

Vi sono mele da tavola con diversi periodi di maturazione e mele da sidro diffuse nei Paesi Nordici e nella stessa Francia. Si pensa anche che la mela sia stato il primo frutto coltivato dalluomo. Già quattrocento anni della nascita di Cristo, gli alberi di melo venivano potati per aumentarne la produzione. La mela è indicata anche come il frutto dellamore, del peccato e della fortuna. Come vuole il mito.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE LARTICOLO

Pubblicità

Ellen Hidding invece porta i telespettatori di Melaverde, in un viaggio straordinario alla scoperta del Parco dell’Adamello Brenta, la più grande area naturale di tutto il Trentino. Inoltre il Parco dell’Adamello Brenta si occupa di tutelare la qualità delle acque dei numerosi torrenti e degli oltre 80 laghi compresi nell’area, con particolare attenzione al “lago rosso” di Tovel. Questo territorio è popolato da una ricca fauna, che comprende tutte le specie presenti nell’arco alpino, compresa l’aquila reale, lo stambecco e l’orso bruno. Negli ultimi anni in particolare è stato fatto molto per la stessa sopravvivenza dell’orso bruno delle Alpi, con l’introduzione di nuovi esemplari venuti dalle montagne slovene. Una fauna quindi variegata, con la presenza anche di lupi, cervi, caprioli, camosci, fino al gallo cedrone e al salmerino alpino, di cui vedremo delle bellissime immagini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori