TERRA/ Anticipazioni puntata di oggi, domenica 6 gennaio 2011 dedicata all’Egitto e al Medioriente

- La Redazione

Anticipazioni della puntata del 6 febbraio 2011 00.45 Canale 5

Capuozzo_ToniR400
Foto: Imagoeconomica
Pubblicità

Terra Anticipazioni della puntata del 6 febbraio 2011 00.45 Canale 5 – Terra va ad esplorare la situazione tunisina ed egiziana, per capire ed analizzare meglio leffetto domino che sta investendo alcune nazioni dellarea mediterranea. Il settimanale di Toni Capuozzo e Sandro Provvisionato va ad esplorare questarea così importante del Mediterraneo. E Sandro Provvisionato dà il via ad una puntata incentrata sul passato, sul presente, sul possibile futuro degli Stati medioorientali. In particolare lEgitto, scosso da recenti e sempre più violenti moti popolari. In apertura poi linviata del Tg5 da Il Cairo Mimosa Martini, riporta le ultime notizie sulla grave situazione di tensione e sui possibili sbocchi futuri, nel paese governato fino ad ora dal presidente Mubarak. Sabina Fedeli è invece in Giordania. Da qui traccia un quadro di quello che agli occhi dello stato israeliano, potrebbe significare leffetto domino, che dalla stessa Tunisia fino allo Yemen sta scuotendo gli stati medioorientali.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE LARTICOLO

Pubblicità

 
Quindi un documentario accenderà i riflettori su chi sono e su cosa si prefiggono i Fratelli musulmani, una delle più importanti organizzazioni islamiche, con un approccio di tipo politico all’Islam. E’ una realtà importante ormai presente in tutto il mondo che venne fondata in Egitto nel 1928, dopo la fine dell’Impero Ottomano. Infine Marco Corrias cercherà di vedere anche quale sia la loro esistenza e presenza in Italia. Sebbene almeno ufficialmente nella nostra nazione i Fratelli Musulmani non siano presenti. Una puntata dunque che vuole cercare di dare un’idea più precisa di tutto quello che sta succedendo in Egitto e nel Medio Oriente, una zona del mondo decisiva a livello strategico e che bisogna sempre tenere in considerazione, visto che poi non è così distante dall’Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori