EXIT/ Anticipazioni della puntata in onda stasera, 2 marzo 2011, alle 21.10 La 7

- La Redazione

Torna Exit, il programma di approfondimento e inchieste, in onda su La 7 stasera, alle 21,10. A condurre Exit sempre la splendida Ilaria DAmico

ilariadamico_R400
Ilaria d'Amico

Exit Anticipazioni della puntata in onda stasera, 2 marzo 2011, alle 21.10, su La 7 – Torna Exit, il programma di approfondimento e inchieste, in onda su La 7 stasera, alle 21,10. A condurre Exit Ilaria DAmico. In questa prima puntata Giovani e donne tra precariato e facili scorciatoie: La ricerca della felicità. Come si raggiunge appunto la felicità in Italia? Il Rubygate come ci spiega questa trasmissione ci ha svelato un modo nuovo, in cui tante ragazze usano il proprio corpo per conquistare uno spazio nella società e trarne ovviamente il maggior profitto possibile.

E Ilaria DAmico propone testimonianze esclusive di chi in passato ha fatto questa scelta, anche di chi ha preferito dire di no e di chi vorrebbe avere questa occasione di dire di si. Fra queste lincredibile racconto di un protettore di studentesse che scelgono di fare le prostitute per garantirsi un futuro. E poi ancora altre inchieste e altri servizi. La maggior parte della pasta italiana si fa con grano straniero? E anche vero che i cinesi stanno lasciando le bancarelle per conquistare i marchi del lusso made in Italy?. In quale modo poi il boss Matteo Messina Denaro è finora riuscito a sottrarsi alla cattura? E ancora la Lega è veramente un partito duro e puro o scende a compromessi come tutte le altre organizzazioni politiche?

Ci sarà anche un’intervista integrale che Exit proporrà in cui Lele Mora, indagato per favoreggiamento alla prostituzione nel caso Ruby, annuncia di voler entrare in politica. Queste le sue parole. “Alle prossime elezioni mi candido, forse nel Pdl”. Sentiamo poi le dichiarazioni di Ilaria D’Amico su questa edizione di Exit. “Quest’anno parleremo meno di politica e più delle persone, di quella società civile che le cronache più recenti, anche internazionali,ci hanno dimostrato di essere sempre più centrale. Le inchieste scandaglieranno le voci dell’Italia che si vede e si sente meno, evitando di incanalare tutto nelle caselle sempre più incerte della destra e della sinistra. Per dare voce al Paese reale, cercheremo l’interazione con l’Italia vera, quella che liberamente si esprime su Facebook e Twitter”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori