LELE MORA/ Video, “Mi candido nel Pdl”, l’intervista a Exit

- La Redazione

L’intervista integrale a Lele Mora andrà in onda questa sera a Exit, il programma di La 7 condotto da Ilaria D’Amico. Nel corso dell’intervista Mora dichiara di volersi candidare nel Pdl

Annozero20_lele-moraR400
Immagine d'archivio

L’intervista integrale a Lele Mora andrà in onda questa sera a Exit, il programma di La 7 condotto da Ilaria D’Amico. Nel corso dell’intervista Mora dichiara di volersi candidare nel Pdl. “Mi candido alle elezioni con una partito di destra, forse mi vorranno sono pronto a questa scelta, dopo che mi avranno assolto. Se mi prosciolgono, visto – ha spiegato – che chi è inquisito non può fare il mestiere di politico o almeno, non dovrebbe”.

All’intervista per La 7, si è parlato anche di Ruby: “Mi faceva tenerezza, mia figlia doveva prenderla in affidamento per difenderla dalla strada, ma la richiesta ci è stata negata”. In ogni caso, Mora ha ammesso che il 17 marzo la ragazza si sposerà a Genova: “Mi ha chiesto di portarla all’altare, e io lo faccio più che volentieri”. Exit andrà in onda alle 21.10. Il programma riprende proprio stasera. “Quest’anno parleremo meno di politica e più delle persone, di quella società civile che le cronache più recenti, anche internazionali, ci hanno dimostrato essere sempre più centrale” spiega la D’Amico. Le inchieste “scandaglieranno le voci dell’Italia che si vede e si sente meno, evitando di incanalare tutto nelle caselle sempre più incerte della destra e della sinistra. Per dare voce al Paese reale, cercheremo l’interazione con l’Italia vera, quella che liberamente si esprime su Facebook e Twitter”.

Stasera ad esempio ci si occupa di “un’inchiesta sociologica, che racconta del lavoro, dell’avvilimento e della ricerca del riscatto dei giovani della nostra epoca, laddove le scorciatoie non rappresentano casi limite: quasi 4 ragazzi su 10 interpellati per Exit dal portale Studenti. it, considerano accettabile vendersi per pagarsi gli studi”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori