YARA GAMBIRASIO/ Stasera a Chi lha visto: chi ha ucciso la tredicenne di Brembate? Anticipazioni puntata stasera, 2 marzo 2011 Rai Tre

- La Redazione

In prima serata il programma di Federica Sciarelli, che si occuperà del drammatico omicidio della tredicenne, ancora avvolto da numerosi interrogativi

yara_R400-1
Foto Ansa

Yara Gambirasio Chi lha visto, anticipazioni puntata di stasera, 2 marzo 2011, Rai Tre ore 21.05 Il caso di Yara Gambirasio stasera a Chi lha visto. Dal 26 novembre, il giorno della scomparsa e forse del delitto di Yara Gambirasio, Chi lha visto ha sempre tenuto aperta una finestra sul drammatico caso della tredicenne, in modo da poter tenere vivo linteresse e spingere chi potesse aver visto qualcosa a fare segnalazioni. Ora il ritrovamento del cadavere della ragazzina ha portato a un triste epilogo, ma non è ancora finita. Si cerca la persona che lha uccisa.

Il delitto di Brembate, come riporta il sito ufficiale della trasmissione, sarà largomento principale della puntata di stasera della trasmissione di Federica  Sciarelli, che tuttavia non trascurerà altri casi di persone di cui non si hanno più tracce, in primis delle gemelline Schepp, Alessia e Livia, di cui non si hanno più notizie dallo scorso 30 gennaio, quando il padre Matthis le ha portate con sé in un folle viaggio, concluso con lomicidio delluomo a Cerignola.

Ma dove sono le piccole?

Nei giorni scorsi, a seguito del ritrovamento del corpo di Yara Gambirasio, il parroco di Brembate Don Corinno Scotti aveva rilasciato dichiarazioni molto forti, che avevano anche suscitato un certo scalpore. Aveva infatti detto che “il mostro è tra noi”, indicando chiaramente di sospettare di qualcuno appartenente alla comunità cittadina.

 

Dalle ultime indagini le parole del prete sembrano trovare conferma. Gli inquirenti infatti hanno lasciato trapelare che l’assassino doveva essere una persona che Yara conosceva e di cui si fidava, tanto da accettare un passaggio sulla sua macchina quando è uscita dalla palestra la sera del 26 novembre 2011.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori