IL GIOIELLINO/ Il film thriller sul crack Parmalat con un “messaggio” per lItalia

- Emanuele Rauco

Il nuovo film di Andrea Molaioli con Toni Servillo romanza il crack della Parmalat. Un noir finanziario che, spiega EMANUELE RAUCO, lancia precise accuse

GioiellinoR400
Una scena del film Il gioiellino (Foto Ansa)

Dopo il successo inaspettato de La ragazza del lago (dieci David di Donatello e circa due milioni dincasso), Andrea Molaioli si confronta con ladagio secondo il quale lopera seconda sia uno scoglio difficile da superare. E il regista si complica la vita affrontando a viso aperto lattualità e la cronaca italiana: il risultato è un film civile intenso, anche migliore del suo predecessore.

La Leda è unimportante e redditizia industria alimentare, gestita dal ragioniere Botta più che dal presidente Rastelli; ma la spregiudicatezza dei suoi dirigenti nasconde un gioco criminale e una fragilità finanziaria pericolosa. Una sorta di noir finanziario, ma anche dramma civile à la Rosi e figlio del cinema anni 70, scritto da Molaioli con Ludovica Rampoldi e Gabriele Romagnoli, romanzando, nemmeno troppo (cambiano i nomi e resta in sospeso la città, che comunque è Torino grazie ai finanziamenti della relativa film commission), il crack della Parmalat.

Il film ricostruisce uno degli scandali economici più devastanti della storia patria attraverso i personaggi e il loro rapporto con la città e la nazione, col calcio e la politica, indicando il territorio come humus in cui far nascere la mentalità di un Paese, puntando esplicitamente il dito contro il corto respiro imprenditoriale che, grazie a finanze creative e truffe legalizzate, ha distrutto leconomia nostrana col beneplacito della classe dirigente.

Molaioli realizza un film efficace ed elegante, fotografato con molte ombre da Luca Bigazzi, che stringe il proprio ritmo e la tensione del thriller mentre la struttura coi minuti si allarga a una sorta di puntigliosa coralità: da Botta, dalla sua pignola solitudine, il film apre prima al suo rapporto con Rastelli fino a coinvolgere poco a poco anche i dirigenti e i personaggi di secondo piano dellazienda, come a restituire il dilagare epidemico di un malcostume prima morale che finanziario, che si può pagare anche con la vita.

Gli sceneggiatori sono abili a gestire con ironia le informazioni, la suspense, i personaggi che Molaioli racconta con finezza, movimenti di macchina sapienti, usando con efficacia le musiche di Teho Teardo e il montagigo di Giogiò Franchini. Ma non solo: Molaioli sa controllare l’istrionismo di Toni Servillo, tenuto saggiamente a briglia corta, e non si fa mangiare il film – come successo per esempio a Incerti con Gorbaciof – permettendo a una Sarah Felberbaum sorprendente (nel film Laura Aliprandi) di giocare col suo charme.

Parafrasando De Gregori, è anche da questi particolari che si giudica un buon regista; e se il botteghino non pare aver premiato lo sforzo è chiaro che i premi potrebbero essere un buon risarcimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori