STEFANIA PUGLISI/ A Chi lha visto uno dei sospettati della scomparsa. Riaperto il caso e gli aggiornamenti su Yara Gambirasio

- La Redazione

Riaperta linchiesta della scomparsa della bambina dopo trentanni. Si riapre il caso dopo che al programma di Federica Sciarelli ha parlato uno dei sospettati

chilhavisto_sciarelliR400
Federica Sciarelli, Chi l'ha visto

E stato grazie a quanto dichiarato da Riccardo Puglisi a Chi lha visto, allepoca dei fatti il principale sospettato della scomparsa di Stefania Puglisi, che dopo trentanni le autorità hanno deciso di riaprire il caso e di far ripartire linchiesta da zero. Se la bambina di allora fosse ancora viva, oggi avrebbe quarantanni. Allepica, nel 1981 quando è sparita nel nulla, aveva solo 10 anni. Secondo gli inquirenti Riccardo, il fratellastro del padre della bambina era stato considerato il principale sospettato, ma nuove recenti dichiarazioni cambierebbero lo scenario. Luomo ha dichiarato in unintervista mandata in onda a Chi lha visto che potrebbe essere stata la mamma ad aver organizzato la vendita della bambina.

La prima ipotesi della Procura di Catania quando erano iniziate le indagini era stata quella di una vendetta a causa di pesanti rancori familiari. Secondo quanto dichiara il legale di famiglia a Corriere.it, ci saono molte ragioni che porterebbero a pensare che Riccardo sia il vero colpevole, ma ora che linchiesta ripartem si cerca solo la verità.

Gran parte della puntata di Chi l’ha visto è stata dedicata alla morte atroce di Yara Gambirasio. Le ultime notizie affermano che la tredicenne di Brembate potrebbe essere morta dissanguata perché le coltellate che le sono state inferte potevano non essere letali. In tarda serata ieri don Corinno Scotti, il parroco del paese della bergamasca, ha fatto sapere che i funerali della ragazzina potrebbero essere celebrati tra una decina di giorni, non appena sarà dato il nulla osta dalle autorità, all’aperto perché nessuna Chiesa potrebbe contenere tutti coloro che vorranno dare l’ultimo saluto a Yara.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori