LUCIANA LITIZZETTO/ Video: le barzellette di Berlusconi. Che tempo che fa, 10 aprile 2011

- La Redazione

La chiusura satirica dellattrice comica al programma di Fabio Fazio, in onda ieri sera, 10 aprile 2011. Su Rai Tre. Irriverente e esilarante la chiosa della Littizzetto

chetempochefa_littizzetto1R400
Luciana Littizzetto
Pubblicità

Video Rai.tv Che tempo che fa, puntata 10 aprile 2011 Luciana Littizzetto ha regalato unesilarante chiusura satirica di Che tempo che fa, nella puntata di ieri , domenica 10 aprile 2011, che ha avuto come illustri ospiti Gianni Boncompagni, Raffaella Carrà, Gino Paoli e lintellettuale Zygmund Bauman. Primo argomento affrontato dallesuberante Lucianina, i comportamennti del maschio italico quando si ammala: due linee di febbre equivalgono a due dita di barba, la vestaglia da maniaco e tutta una serie di altri comportamenti esagerati, tipici delluomo tricolore ammalato. Poi si passa alla politica: pare che il ministro Maroni in Tunisia oltre ad indossare  la cravatta verde, fosse lui stesso verde. Era come se Dracula fosse andato a donare il sangue allAvis. Poi la comica fa una proposta a Fazio: Vuoi che ti racconti una barzelletta? in chiaro riferimento a Silvio Berlusconi.  Lattrice si è quindi chiesta cosa possa fare il Premier in occasioni informali, se in quelle ufficiali racconta certe barzellette. Accenni sulla villa a Lampedusa: il Presidente lha comprata o non lha comprata? Pare ci sia un giallo. Secondo la Littizzetto voleva comprarla su Internet ma potrebbe aver sbagliato. Commento sui nove minuti della prima udienza del processo Ruby, alla faccia del processo breve. E a proposito di processo breve, scoprite il commento satirico dellattrice nel video Rai.tv alla pagina seguente. E in chiusura non poteva mancare la notizia balenga della settimana: un singolare provvedimento che il sindaco di Capri vorrebbe attuare in merito alle deiezioni abusive degli amici a quattro zampe. E qui parte un elenco in puro stile Littizzetto delle varie tipologie di deiezioni canine.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori