STRISCIA LA NOTIZIA/ Aggredito l’inviato Luca Abete dai dipendenti della Regione Campania

- La Redazione

Aggredito l’inviato di Striscia la notizia, Luca Abete. Stava indagando e filmando alcuni mezzi pubblici della protezione civile campana quando è stato aggredito dai dipendenti

lucabete_R400
Luca Abete

Il simpatico inviato di Striscia la notizia, il napoletano Luca Abete (che in onore al suo cognome si veste sempre di verde proprio come un abete con tanto di pigna nel taschino…) ha passato un brutto quarto d’ora. E’ stato infatti aggredito. Luca Abete si era recato in un parcheggio della Regione Campania a Pozzuoli per un servizio, voleva indagare su dei mezzi pubblici nuovi di zecca che non vengono mai utilizzati. I mezzi sono stati acquistati con fondi dell’Unione Europea nel 2008. Il giornalista ha rilasciato una nota in cui racconta di essere andato a indagare sull’ennesimo sperpero di denaro pubblico, quando si è trovato circondato e quindi aggredito da alcuni dipendenti della regione, addetti al parco mezzi. Lo hanno strattonato, si sono impadroniti delle telecamere cercando di distruggerle. Luca Abete è stato costretto a fuggire. Sul luogo sono arrivati i carabinieri che hanno confermato la versione dell’inviato, cioè dei maltrattamenti subiti dai dipendenti regionali della protezione civile. Sono situazioni che per fortuna non hanno mai comportato conseguenze più gravi di qualche strattonata o spintonata, comunque.

«L’intervento dei carabinieri— spiega l’inviato — ha consentito di terminare il reportage» . «Un po ‘ strappato’ e stropicciato ma ci vuole ben altro per sradicare l’Abete!». Non è la prima volta che all’inviato di Striscia accadono situaizoni del genere. D’altoro canto gli inviati di questo programma non temono di infilarsi in indagini fastidiose che arrivano a scomodare persone che non la fanno proprio liscia: essere malmenato da dipendenti pubblici però non è proprio una bella cosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori