CHI L’HA VISTO/ Carmela Melania Rea e il tradimento di Salvatore Parolisi. Le gemelle Schepp. Anticipazioni puntata 11 maggio 2011

- La Redazione

Il programma di Federica Sciarelli torna ad occuparsi del delitto della giovane mamma. Ma no si dimentica delle gemelline svizzere di cui non si sa più nulla. Le anticipazioni.

parolisi_R400
Salvatore Parolisi, foto Ansa

Chi l’ha visto: il delitto di Carmela Melania Rea sarà al centro della puntata di Chi l’ha visto, in onda stasera alle 21.05 su Rai Tre. L’omicidio della giovane mamma resta avvolto nel mistero. Ieri il marito dela donna, Salvatore Parolisi, è stato ascoltato per otto ore nella caserma dei Carabineri di Castello di Cisterna. Va chiarito che il marito di Melania non è indagato per il delitto della donna, ma resta parte offesa ed è stato ascoltato come persona informata sui fatti. L’Ansa rende noto che la mamma della vittima, la signora Vittoria, si dice convinta dell’innocenza di Salvatore e ha piena fiducia nel genero. Nei giorni scorsi è emersa la relazione dell’uomo con Ludovica, caporale dell’esercito. I due si frequentavano da due anni e Parolisi più volte aveva detto che avrebbe parlato con la moglie per dirle che il loro matrimonio era finito. Secondo quanto avrebbe confessato la bella soldatessa, Melania era a conoscenza della loro storia d’amore. Ma il caso Rea non sarà l’unico dramma che Federica Sciarelli affronterà nella puntata di stasera di Chi l’ha visto. Si tornerà a lanciare appelli per Alessia e Livia Schepp, le gemelline di sei anni che dallo scorso 30 gennaio sono sparite e di cui non si sa più nulla. Le sorelline erano state prelevate dal padre Matthias, trovato morto suicida in Italia i primi di febbraio.

Nella puntata di Chi l’ha visto? in onda stasera i genitori di Francesco Ferreri si rivolgono al programma di Federica Sciarelli per chiedere giustizia. Francesco è stato ucciso a 13 anni perché si era ribellato ai suoi aguzzini. Sono passati più di cinque anni dalla sua tragica morte e gli assassini sono ancora in libertà.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori