NAPOLI MILIONARIA / Anticipazioni stasera, 4 maggio 2011, ore 21.10 Rai Uno

- La Redazione

Napoli Milionaria Anticipazioni stasera, 4 maggio 2011, alle 21.10, su Rai Uno Al centro della vicenda Gennaro Iovine, povero abitante di un basso napoletano

Napoli_MilionariaR400
Napoli Milionaria

Napoli Milionaria Anticipazioni stasera, 4 maggio 2011, alle 21.10, su Rai Uno – Nuovo appuntamento, in prima serata su Rai Uno con il grande teatro di Eduardo. Dopo Filumena Marturano, che ha ottenuto un grande successo di ascolti e critica, arriva sul piccolo schermo Napoli Milionaria., la seconda di quattro commedie del grande Eduardo De Filippo. Con la presenza di attori importanti come Barbara De Rossi, Enzo Decaro e Massimo Ranieri, che cura anche la regia teatrale. Le musiche originali sono del premio Oscar Ennio Morricone. Enzo Decaro interpreterà Errico Settebellizze e Massimo Ranieri darà vita a Gennaro Jovine, figura chiave della storia, definita dallo stesso Ranieri un piccolo, gigantesco eroe. Mentre Barbara De Rossi vestirà i panni di Amalia Jovine. La regia televisiva è di Franza Di Rosa, che ha guidato le telecamere attraverso un linguaggio teatrale cinematografico adattato alle esigenze dello spettatore di oggi. Nei prossimi mesi saranno proposti da Rai Uno altri due appuntamenti da non perdere. Il primo sarà la commedia Sabato, domenica, lunedì: Poi ci sarà lopera Questi fantasmi, che chiuderà la quadrilogia dedicata al genio di Eduardo De Filippo. Napoli Milionaria è stata prodotta in tecnologia digitale ed in alta definizione nello Studio 2 del Centro di Produzione tv di Napoli. Al centro della vicenda Gennaro Iovine, povero abitante di un basso napoletano che durante la guerra assiste impotente alla borsa nera che la moglie Amalia e i figli fanno per sopravvivere. E durante un sopralluogo della polizia è costretto a fingersi morto per non far scoprire la merce. Gennaro viene fatto prigioniero e Amalia intrattiene unamicizia non solo daffari con il giovane Errico Settebellizze. La figlia Maria Rosaria rimane incinta di un soldato americano e il figlio Amedeo diventa ladro dauto. Gennaro finalmente ritorna dalla prigionia, quando tutto il vicolo si prepara a festeggiare a casa sua il compleanno di Errico. Nessuno ascolta le sue vicende. Gennaro abbandona il pranzo e va da Rituccia la figlia più piccola, gravemente ammalata. A dargli la medicina giusta sarà il ragionier Spasiano, a cui Amalia, con la borsa nera ha tolto ogni bene. Ecco alcune parole di Massimo Ranieri su Napoli Milionaria. Ho amato il personaggio di Gennaro Jovine come si ama un padre. Lho ascoltato a fondo. E da lui mi sono lasciato guidare per scegliere la strada giusta. Da regista e da attore ho cercato di mettermi addosso tutto il suo dolore e tutta la sua fede. Il privilegio di fare Napoli Milionaria mi ha imposto di far suonare al meglio lorchestrazione perfetta che Eduardo ha dato ai suoi personaggi, intorno allattualità eterna del suo protagonista. Ho caricato il più possibile d teatro ciascun membro di questa famiglia dilaniata, alzando la temperatura delle figure di contorno, perché ognuna è un imperdibile contrappunto.

E infine ho voluto riempire di gente il vicolo intorno a quella casa. Per non chiudere mai dentro il confine di un teatro da camera la stupefacente, eterna forza popolare di questo testo”. E sentiamo anche la testimonianza di Ennio Morricone, autore della musica di Napoli Milionaria. “ Le musiche da me composte per le Commedie di Eduardo De Filippo, commissionate da Massimo Ranieri, le ho scritte pensando ad una doppia linea percettiva ed espressiva. La prima didascalica, va di pari passo con la sensibilità e l’emozionalità degli eventi che la storia racconta. La seconda cerca attraverso una maggiore attenzione alla storia di Napoli, specie alle sue tracce musicali, le ragioni di un uso di un moderato cromatismo del materiale sonoro, un ascolto più storicamente rispettoso che sia coerente con le tradizioni della città. Tutto questo in pieno accordo con Massimo Ranieri che ha condiviso queste scelte”..Ecco anche su questa opera straordinaria e sulla sua realizzazione cosa ha detto Franza  Di Rosa che ha curato la regia televisiva: “Per impostare “Napoli Milionaria” è stato riproposto il percorso felicemente collaudato con Filumena Marturano. Non ci sono segreti per fare teatro televisivo occorre la massima cura. La preparazione inizia con la lettura approfondita del testo a tavolino per l’impostazione dei personaggi che poi diventa prova meticolosa e insistita sul tracciato della scenografia e infine prende vita, si anima nel corso delle riprese in studio. L’enorme catastrofe della guerra – tutta riflessa e compressa nello spazio angusto di un “basso” napoletano: qui si è trattato di stare addosso alla scenografia circolare, di rendere stringente l’enormità della guerra nello spaccato claustrofobico dell’ambiente umano descritto”. Appuntamento quindi stasera su Rai Uno con questo capolavoro di Eduardo De Filippo, un’opera degna delle più grandi della storia del teatro di tutti i tempi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori