IL COMMISSARIO ZAGARIA/ Sara è salva, Amato resta nel Salento e Nicoletta… Ecco cosa succede nell’ultima puntata

- La Redazione

Lultimo episodio della fiction con Lino e Rosanna Banfi. Si chiude con successo lindagine sulla mafia grazie alla sinergia tra intuito e metodo scientifico

Commissario-Zagaria_banfiR425
Lino Banfi è Il Commissario Zagaria

Il commissario Zagaria, riassunto seconda e ultima puntata e finale, Canale 5 Il commissario Zagaria si è concluso su Canale 5 martedì 13 settembre. Prima di svelarvi il finale il riassunto dellultimo episodio. Il mare del Salento restituisce il cadavere di una ragazza giovane: Pagano è disperato, pensa si tratti della figlia Sara, scomparsa ormai da giorni, ma in realtà si tratta della sua amica Veronica. Intanto continuano i loschi traffici del commendator Matera con la ndrangheta calabrese. Stefano Amato porta avanti la sua love story con Nicoletta Matera, anche se è combattuto tra i sentimenti per la ragazza e il fatto che stanno indagando sugli affari poco puliti del padre. Pagano, disperato per non riuscire a trovare la figlia, decide di andare a chiedere informazioni a un uomo di Donati, lemissario della mafia calabrese nel Salento. Luomo aggredisce Pagano, così il suo amico gli spara a sangue freddo per strada, davanti alla folla di gente. Lautopsia sul corpo di Veronica rivela che la ragazza prima di morire è stata picchiata e probabilmente il cadavere della ragazza è stato in acqua per tre giorni. Linchiesta porta Stefano Amato e Zagaria (Lino Banfi) a indagare sulla vita dissoluta di Lello Capone e di un amico: le due ragazze erano sulla barca del figlio del notaio la sera in cui sono scomparse nel nulla. Interrogato dal Procuratore Emma (Rosanna Banfi) Capone è costretto a confessare che lui e il suo amico avevano costretto a bere molto le ragazze per poi approfittare di loro. Sara si era ribellata e si è tuffata dalla barca cercando di raggiungere la riva a nuoto, mentre Veronica è stata buttata in acqua dal complice del ragazzo. Continuano le ricerche di Sara e si scopre che Veronica aveva chiamato nella notte il suo fidanzato per chiedere aiuto. Grazie a unintuizione, Zagaria capisce dove può essere Sara. Infatti la trovano dal professore con cui preparava la tesi. E provata, ma sta bene. Anche Veronica era riuscita a raggiungere la riva, ma poi è stata uccisa dal ragazzo. La sparatoria allalbergo in cui è stato ucciso luomo calabrese non è piaciuta a Donati, che incontra Matera nella masseria. La ndrangheta vuole vendicare la morte del suo uomo e gli affari di Matera rischiano di saltare. Intanto Nicoletta comincia ad avere sospetti sullattività del padre. Grazie al rapporto con la figlia, Amato riesce a mettere la cimice a casa di Matera. Riusciranno a incastrarlo? (continua alla pagina seguente)

A pagare per la morte del calabrese è Antonio Pagano, l’amico di Zagaria, gettando nella disperazione il commissario e la figlia Sara. Intanto Stefano chiede a Nicoletta di trasferirsi con lui a Firenze a indagini concluse. La ragazza cosa deciderà di fare? Se la sua risosta sarà sì, Stefano la troverà alla stazione, altrimenti partitrà da solo. La ndrangheta stringe la morsa intorno a Matera e lo stesso vale per le indagini di Zagaria. Le intercettazioni rilevate dalla cimice rivelano che Matera vuole far uccidere Pasquale Zagaria. La vita del commissario è in pericolo. Decide però di fare da esca per poter catturare Donati. Il mafioso cerca di uccidere il commissario mentre è a pranzo da un’amica, ma ad attendere il killer c’è Amato travestito da donna. I due poliziotti arrestano finalmente il killer. Nicoletta dice a suo padre che se ne va da Lecce. Il padre la lascia andare e viene arrestato davanti agli occhi della figlia. Nicoletta va alla stazione, ma non per partire con lui, ma per rinfacciargli di averla usata per catturare al padre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori