SFOOTING / Per scaldarci un po, il calendario 2012 delle “freddure in due battute”

- Comic Astri

Tornano i COMIC ASTRI con un nuovo appuntamento all’insegna della satira e del divertimento. Oggi, in occasione della fine dell’anno, vengono proposte freddure per ogni mese

disgelo_ghiaccio_R400
Immagine d'archivio

Gli Inuit che abitano sopra la calotta polare dellIsola di Baffin (dove spesso si ripara Massimo DAlema per lannuale settimana bianca con le sue due renne: Rosy B. e Pierluigi B.), per scaldarsi durante il lungo inverno artico, sono soliti raccontarsi brevi freddure. Nei loro igloo non manca mai un manoscritto preziosissimo: è un antico codice conosciuto dagli scienziati con il nome di LArtide di far ridere-Che Fred che fa Astair qui. Si tratta di semplici freddure facili da diglootire, scritte da un Anonimo Eschianno (corrispondente a dodici eschimesi) e che il grande regista della trilogia de “L’era glaciale, Ingmar Icebergman, ha provato a tradurre in mini-comiche in due battute.

Anche a Busa di Manna, una località della val Primiero, in Trentino, conosciuta come la Siberia dItalia, i busacchi (così si chiamano i suoi abitanti, cioè i cosacchi di Busa di Manna) tengono sopra le loro stufe di ghisa un manoscritto preziosissimo, attribuito a un autore molto amato da Bossi e dai leghisti, tal Marco Polo Nord: si tratta del libro Il Milione di freddure, che il giovane regista Eugenio Cappuccio di Lana ha provato a tradurre in 12 mini-freddure in due battute. Una per ogni mese del 2012.

Personaggi: Caffè corretto e Caffè macchiato

(La scena si svolge sul bancone di un bar, dove sono appoggiate le due tazzine fumanti)

Caffè corretto: Io sono un caffè corretto perché non sbaglio mai. E tu?

(Caffè macchiato non risponde)

Caffè corretto: Io sono un caffè corretto perché non sbaglio mai. E tu?

(Caffè macchiato non risponde)

Caffè corretto: Io sono un caffè corretto perché non sbaglio mai. E tu?

Caffè macchiato: Io sono un caffè macchiato perché mi sono macchiato di orrendi delitti ogni volta che un caffè corretto mi ha chiesto chi ero. Vuoi chiedermelo ancora?

(Caffè corretto se la fa sotto in tazza grande)

Personaggi: Un granello di sabbia e Gli altri milioni di granelli di sabbia intorno a lui

(La scena si svolge esattamente al centro del deserto del Sahara)

Un granello di sabbia: (dopo aver osservato, muovendo gli occhi in ogni direzione, Gli altri milioni di granelli di sabbia intorno a lui) Ehi, perché mi state così appiccicati addosso? Non vedete quanto spazio cè?

Personaggi: Una canottiera, Un paio di collant da donna e Un paio di mutande da uomo

(La scena si svolge allinterno del cassetto di un armadio. Un occhio di bue illumina i vari personaggi quando parlano)

Una canottiera: (rivolta a Un paio di collant da donna) Sai, ti ho sempre ammirato: sei davvero un tipo in gamba! Mica come quello là! (indicando Un paio di mutande da uomo)

Un paio di collant da donna: Perché ce lhai con quel paio di mutande da uomo?

Una canottiera: Mica sono solo io ad avercela con lui Sta sulle palle a tutti!

Personaggi: La faccia di un diamante e Un anello doro

(La scena si svolge allinterno di una vetrina di un negozio di oreficeria. Una mano da muratore afferra Un anello doro, che urta inavvertitamente La faccia di diamante)

La faccia di diamante: (rivolta a Un anello doro) Uh, stai un po attento: che miniere!

Personaggi: Un matto e Laltro matto

(La scena si svolge sulla pista da ballo della discoteca Cose da pazzi ricavata in una casamatta di mattoni. mattina)

Un matto: Bello, mi sono proprio divertito da sani di mente! (rivolto verso Laltro matto) Ma ora dobbiamo rientrare. Avverti il manicomio.

(Laltro matto compone il numero al cellulare. Parla sottovoce e poi riattacca di colpo)

Un matto: Cosa ti hanno risposto dal manicomio?

Laltro matto: Mi hanno detto che non hanno il telefono.

Personaggi: Il primo archeologo e Il secondo archeologo

(La scena si svolge a Venezia. I personaggi sono seduti al tavolino di un bar. Cè lacqua alta e nessuno dei due porta gli stivali. Hanno i piedi a mollo. A un certo punto Il primo archeologo scatta in piedi come una molla)

Il primo archeologo: (scattando in piedi come una molla) Io qui a Venezia ho scoperto la prima università: la Ca Foscari.

Il secondo archeologo: (restando impassibile con i piedi a mollo) E io qui a Venezia ho scoperto la prima casa abitata da un uomo: la Ca Verna.

Personaggi: Un turista e Un altro turista

(La scena si svolge in un camper di un campeggio. Intorno al camper c’è un campo. I personaggi non sono ripresi in campo aperto, ma nel camper)

Un turista: Ma lo sai che ieri ho visto in questo campeggio Berlusconi in persona circondato da venti belle ragazze!

Un altro turista: E cosa ci faceva qui?

Un turista: Il bunga-bungalow!

 

Personaggi: Adamo ed Eva

(La scena si svolge nel Paradiso terrestre. I personaggi sono avvolti da una musica paradisiaca. Per circa un’ora Adamo cammina su e giù per il Paradiso terrestre, seguito appresso da Eva. Ogni trenta-quaranta secondi Adamo si volta indietro, sempre più scocciato)

Adamo (dopo aver camminato un’ora circa su e giù per il Paradiso terrestre, sempre seguito appresso da Eva, voltandosi indietro e con tono scocciato) Insomma, Eva, devi starmi sempre alle costole?

 

Personaggi: Una massaia e Un’altra massaia

(La scena si svolge in una lavanderia. Lo schermo deve essere bucato dalla forte personalità dei due personaggi, che aspettano di ritirare il bucato)

Una massaia: Lo sai che in Giordania le massaie non usano la lavatrice?

Un’altra massaia: Davvero? E perché?

Una massaia: Fanno tutte il bucato Amman

 

Personaggi: Un annunciatore del Tg

(La scena si svolge nello studio di un Tg qualsiasi. Meglio se è lo studio di un dentista, perché va annunciata una notizia dolorosa)

Un annunciatore del Tg: Notizia dell’ultima ora: “Un pullman è precipitato in un burrone. Purtroppo si lamentano 15 feriti. Gli altri hanno deciso di soffrire in silenzio”.

 

Personaggi: Il triangolo Isoscele e Il triangolo Equilatero

(La scena si svolge in una palestra. Sullo sfondo si vedono esercizi al trapezio e alle parallele. Un gruppo di triangoli sono disposti in cerchio)

Il triangolo Isoscele: (rivolto verso Il triangolo Equilatero) Piacere, mi chiamo Isoscele. E tu?

Il triangolo Equilatero: (rivolto verso Il triangolo Isoscele) Piacere, mi chiamo Equilatero. Sai che ti trovo simpatico? Sei davvero un tipo quadrato!

Il triangolo Isoscele: (rivolto  verso Il triangolo Equilatero) Ti sbagli, vorrei tanto essere un tipo quadrato, però un lato della mia personalità è del tutto assente.

 

Personaggi: Un cieco, Un muto e Un sordo

(La scena si svolge all’interno di un cinema muto per sordi di periferia. Un cieco indossa gli occhialini per vedere il film in 3D)

Un cieco: (parlando a voce bassa per non disturbare) Mi piacerebbe rivedere questa scena. Tu l’hai capita?

Un muto: (gesticolando a voce bassa per non disturbare) ………………………!

Un sordo: Sssssssst!!!

 

(Questo pezzo è un omaggio dei ComicAstri al grande Achille Campanile, morto il 4 gennaio di 35 anni fa. Buon 2012 a tutti i lettori di Sfooting e de llSussidiario.net)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori