SQUADRA ANTIMAFIA 4/ Anticipazioni quinta puntata. Claudia Mares muore? Il dolore di Calcaterra, che…Riassunto quarta

- La Redazione

Il riassunto del quarto episodio della fiction in onda su Canale 5: diventa sempre più pericolosa la sfida tra la Duomo e i Mezzanotte ora che con loro c’è De Silva, evaso… 

sam4_sandro
Sandro vendicherà Serino?

Anticipazioni quinta puntata e riassunto quarta – In Squadra Antimafia 4 è sempre più incalzante e minacciosa la guerra tra la Squadra Duomo e i Mezzanotte, ora che De Silva si è unito a loro. L’ex agente dei servizi segreti non esita a uccidere per mettere le mani sulla lista Greco. Ma nella Duomo ci sono gravi problemi interni. Gli effetti della corsa alla conquista della lista Greco e i “mostri” all’interno della Squadra, come scopriremo nella quinta puntata (anticipazioni alla pagina successiva) saranno devastanti e con conseguenze per tutti, buoni  e cattivi, senza esclusioni di colpi fino al finale (leggi l’intervista al regista Beniamino Catena sull’ultima puntata di SAM4). Un grave segreto sta tormentando la Mares tanto da allontanarla inesorabilmente da Domenico; Sandro Piettrangeli, come ci aveva anticipato nell’intervista Giordano De Plano, sta compiendo un viaggio nell’“inferno”. Cosa accadrà? Cominciamo a scoprirlo ripercorrendo tutta la quarta puntata della fiction Squadra antimafia 4, andata in onda su Canale 5. Rosy Abate (Giulia Michelini) ha scelto di consegnarsi alla Polizia e di tornare in carcere pur di stare vicina al figlio sofferente. Domenico Calcaterra (Marco Bocci – leggi qui l’intervista) e il giudice Pulvirenti cercano di convincerla a diventare collaboratrice di giustizia, ma Rosy non dimentica di essere “donna d’onore” e rifiuta. Claudia Mares (Simona Cavallari) non si dà pace per non riuscire a convincere la Abate a parlare e rivela inoltre a Domenico di volersi allontanare da lui e da Palermo non appena l’indagine sarà a una svolta, per trascorrere con tranquillità i mesi di gravidanza.

Squadra Antimafia 4, anticipazioni: quinta puntata il 15 ottobre 2012. Claudia Mares muore, ma… 

Domenico non vorrebbe che la sua compagna lo lasciasse… ma Claudia con la testa è ontanissima da lui e Calcaterra non ne capisce le ragioni. Ilaria La Viola finge di riaccogliere in cella con affetto Rosy, in realtà cerca di drogarla e durante il “delirio” da stupefacenti della Abate, scopre che Rosy è ancora in possesso della parte mancante della Lista Greco e lo riferisce al suo avvocato, colluso con la mafia. I fratelli Dante (Andrea Sartoretti) e Armando (Massimo De Santis) Mezzanotte vengono convocati dai padrini di Cosa Nostra: devono interrompere la ricerca della Lista Greco perché altrimenti rischiano che la Abate parli e verrebbero tutti incastrati. I Mezzanotte sono costretti ad accettare il diktat dei padrini e si rifugiano a Trapani. De Silva (Paolo Pierobon) tutt’altro che pazzo, uccide le guardie e lo psichiatra ed evade dalla struttura  sanitaria di massima sicurezza in cui è prigioniero. Si presenta dai Mezzanotte e propone loro una coalizione per cercare di mettere le mani sulla lista Greco, ma il primo passo è fare in modo che la Abate diventi collaboratrice di giustizia… De Silva entra di notte in casa della Mares, la minaccia con una pistola, ma il suo vero obiettivo è farle trovare la cartella clinica di Leonardo, in modo che, come in effetti accade, la Mares riferisca alla Abate che De Silva ha minacciato suo figlio Leonardo. Sandro Pietrangeli (Giordano De Plano) continua ad abusare dell’alcool, la situazione è così degradata che Giulia (Roberta Giarrusso) minaccia di andarsene. L’agente confida a un medico del carcere dove era prigioniero De Silva che la morte di Serino gli provoca attacchi di panico che lo portano a perdere il controllo durante il lavoro, in cui prova enorme paura, e che riesce a controllare solo con l’alcool.

L’onore e il rispetto 3: leggi l’intervista a Martina Pinto

Grazie a conoscenze nel mondo degli spacciatori, Pietrangeli inizia a procurarsi di nascosto pesanti tranquillanti. Durante una retata frutto dell’ennesimo tentativo di catturare i Mezzanotte, De Silva riesce ad aiutare i fratelli a fuggire, ma abbatte un poliziotto della Duomo, di fronte al cui cadavere Sandro resta scosso. Rosy decide di collaborare con la magistratura e grazie ai nomi della “madrina” la Duomo procede a numerosi arresti. La donna viene portata in un bunker, ma gli uomini dei Mezzanotte e di De Silva che attaccano il bunker. Alla Duomo Sandro è ossessionato dalla  cattura di Nerone, il killer di Serino, che si scopre essere un mercenario al soldo dei Mezzanotte. Sandro perde la testa e commette l’ennesimo errore nel corso di un’azione: Calcaterra si trova costretto a vietargli gli interventi armati e al suo posto torna operativo Gaetano Palladino (Ludovico Vitrano). Continua alla pagina seguente.

La dinamica dell’agguato al bunker di Rosy fa pensare a Calcaterra che i Mezzanotte e De Silva abbiano volontariamente lasciato viva la Abate, che nel frattempo si dà alla fuga, inseguita da Dante Mezzanotte con De Silva. Ilaria La Viola esce dal carcere e si mette sulle tracce della Abate per recuperare la lista Greco. Anche la Duomo è sulle tracce di Rosy, che nel frattempo riesce a recuperare un cellulare per chiamare Claudia che la raggiunge da sola a bordo di un’auto. La Duomo, in primis Calcaterra, vedono la Mares e la Abate in fuga da telecamere di sorveglianza, tentano di chiamarle ma non rispondono così le seguono dal satellite. E’ una corsa contro il tempo per mettere le mani sulla lista Greco, nascosta da Rosy in un deposito dell’aeroporto. La Duomo, Ilaria, Rosy, Mezzanotte e De Silva, convergono verso Punta Raisi per arrivare primi a mettere le mani sulla lista. Prima di raggiungere Rosy, Claudia ha ufficialmente lasciato la Duomo per entrare in maternità. Sola a casa, stava per registrare un video per Domenico in cui gli avrebbe confessato la verità sul bambino che aspetta, ma la telefonata di Rosy l’ha interrotta…

Rosy e Claudia entrano in aeroporto per recuperare la lista, Mezzanotte e De Silva le vedono e si appostano nel parcheggio, dove le attendono armate; intanto gli uomini della Duomo cercano di raggiungere Punta Raisi per salvare le due donne e catturare Armando e Filippo De Silva. Claudia riesce a mettere le mani sulla busta contenente il cd, in un angolo del deposito Ilaria fa scattare un timer. La busta contiene una bomba, la Mares, vedendo una luce rossa lampeggiante, avverte Rosy di fuggire, ma è troppo tardi, l’ordigno esplode: Claudia e Rosy saltano in aria… (Anticipazioni alla pagina seguente)

Anticipazioni quinta puntata: la reazione di Calcaterra per ciò che è accaduto alla Mares lo getta in una disperazione tale da portarlo al rischio di infrangere le regole. Rosy fa capire a Domenico che dopo ciò che è accaduto, entrambi sono dalla stessa parte. Il male o il bene? I fratelli Mezzanotte e i De Silva sono inarrestabili e continuano a uccidere tutti coloro che gli sbarrano la strada. Chi si nasconde dietro l’attentato a Rosy e Claudia? Per chi si muove davvero Ilaria La Viola? 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori