IL COMMISSARIO NARDONE/ Anticipazioni quinta puntata: Nardone sulle tracce di Bosso. Schermaglie amorose fra Suderghi e Flò

- La Redazione

Prosegue Il Commissario Nardone, la fiction in sei puntate dedicata alla figura di un uomo leggendario, di origini campane, che nel dopoguerra, in una Milano attanagliata dalla violenza

nardone_r439
Il cast de "Il commissario Nardone" (Infophoto)

Prosegue su Rai1, in prima serata alle 21.20, Il Commissario Nardone, la fiction in sei puntate dedicata alla figura di un uomo leggendario, di origini campane, che nel dopoguerra, in una Milano attanagliata dalla violenza e in preda alla criminalità organizzata, creò la Squadra Mobile. Protagonista del serial tv, Sergio Assisi affiancato da Giorgia Surina e Anna Safroncik. Andiamo a vedere la trama degli episodi della penultima puntata.: Bosso e i suoi rapinano un gioielliere della sua valigetta, piena di preziosi. Il gioielliere viene ferito e i malviventi riescono a scappare con la refurtiva.Capendo immediatamente che dietro il colpo si cela Bosso, Nardone indaga sulla rapina e immagina lesistenza di un basista, che abbia informato i delinquenti sul contenuto della preziosa valigetta. Il gioielliere ferito è un uomo di specchiata rispettabilità, mentre sua figlia Emma, capricciosa cantante lirica alla Scala, attira immediatamente lattenzione del Commissario che le mette alle calcagna Spitz. Emma, in effetti, è la basista del gruppo che porta Nardone e la sua squadra a scoprire il nascondiglio di Bosso, uomo di cui lei è follemente innamorata. Emma, cacciata dal coro della Scala si esibisce nel locale di Flò, dove Nardone la affronta. Da un breve interrogatorio capisce il luogo dove devono cercare la refurtiva. Gli uomini di Nardone circondano la cascina nella quale si nasconde Bosso. Il criminale usa Emma come scudo per procurarsi una via di fuga e riesce a farla franca. Emma è salva per miracolo. Il giorno dopo, Nardone interroga la figlia del gioielliere. Ascolta la sua confessione. Si è fatta sedurre da Bosso e ha tradito il padre per lui rovinandosi per un amore balordo. Mentre Muraro si riprende in fretta e cerca di recuperare tutto il tempo perduto in compagnia della figlia Anna, Suderghi è stato raggiunto a Milano dalla sua promessa sposa francese e si trova impegnato suo malgrado nei preparativi del suo matrimonio.

Nardone è chiamato sul luogo di un delitto, quello di Toni Mazzillo, un pugile ucciso fra le mura di casa. Vista lassenza di indizi, si inizia ad indagare sulla vittima. 

Toni aveva due fratelli, Giancarlo e Massimo che descrivono Toni come un uomo dedito al gioco d’azzardo e che spendeva tutti i soldi guadagnati dagli incontri in vizi e donne. Nardone incontra casualmente Lucia, la fidanzata di Massimo; anche lei ripete che Toni era un bravo ragazzo, fatto strano perchè il fratello ne parlava molto male. Il Commissario ha un’intuizione: Lucia tradiva Massimo con Toni. Arrestato, Massimo confessa il suo crimine. Intanto Bosso riorganizza il suo ritorno in attività in grande stile. A Milano si susseguono le rapine compiute da lui e dai suoi complici, ma per la Polizia sembra impossibile stanarlo..

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori