CHE TEMPO CHE FA/ Il deficit ecologico, l’album di Miguel Bosè e le primarie secondo Bersani (video). 7 ottobre 2012

- La Redazione

In attesa dellappuntamento in prima serata che da questanno è di scena il lunedì, è andata in onda ieri una puntata classica di Che tempo che fa, condotta come sempre da Fabio Fazio

fazio_fabio_r439
Foto InfoPhoto

Che tempo che fa, riassunto puntata di ieri, domenica 7 ottobre 2012 (video) – In attesa dellappuntamento in prima serata che da questanno è di scena il lunedì (quindi anche stasera, ore 21.05 su Rai Tre), è andata in onda ieri una puntata classica di Che tempo che fa, ovviamente condotta da Fabio Fazio. Il primo ospite ad intervenire è il climatologo Luca Mercalli, il quale parla di un deficit alquanto particolare: si tratta del deficit ecologico e il problema che lesperto mette in evidenza è che tutte le nazioni che si affacciano sul Mediteranno consumano un quantitativo di risorse naturali di vario genere, come pesce, energia e tanto altro ancora. Mercalli sottolinea che è lItalia a trovarsi particolarmente in difficoltà, visto che si trova prima nella classifica che riguarda un eccessivo consumo pro-capite di queste risorse, assolutamente insostenibile per lunghi periodi. In pratica nel nostro Paese ogni cittadino consuma il fabbisogno che in realtà sarebbe utile per 4-5 individui. Questo significa che a breve lItalia potrebbe ritrovarsi costretta a far massiccio uso dellimportazione di particolari prodotti, il che la renderebbe dipendente da altre nazioni. Mercalli fa inoltre notare come Paesi che sono in grossa difficoltà economica, come Grecia e Spagna, abbiano anche un grosso deficit ecologico, a sottolineare dunque come le due cose vadano senza dubbio a braccetto. Per queste ragioni sarebbe opportuno applicare una sorta di spending review anche per le risorse ambientali e quindi naturali al fine di abbassare il consumo pro-capite fino a tornare ai livelli degli anni Settanta. Si cambia decisamente argomento e il secondo ospite della puntata di ieri è il cantante e presentatore Miguel Bosè, il quale presenta il suo nuovo album musicale che celebra i 35 anni di carriera. Dopo lesibizione in un nuovo pezzo, Bosè racconta tutte le fasi che hanno portato alla creazione di nuovo ultimo lavoro, nel quale vi sono anche tantissimi duetti con personaggi internazionali della musica e del mondo dello spettacolo, come lattrice spagnola Penelope Cruz oppure Lorenzo Jovanotti, per il quale Bosè dice di avere una profonda ammirazione. Infine Bosè parla anche della sua vita privata, annunciando come sia diventando padre di due gemelli ai quali ha fatto la promessa di essere quanto più presente possibile nella loro vita: il cantante, prima di lasciare lo studio di Che tempo che fa, rivolge un pensiero alla sua Spagna e al difficile momento che sta attraversando. Il terzo ospite della serata è il noto attore francese Jena Louis Trintignant, che di recente ha vinto la Palma doro al Festival del Cinema di Cannes con il film drammatico Amour, diretto da Michael Haneke. Trintignant spiega come inizialmente fosse molto restio a partecipare a questo film, soprattutto a causa del dolore provocato dalla prematura scomparsa della figlia. Alla fine la produzione è riuscito a convincerlo e il capolavoro ha potuto dunque vedere la luce. Lultimo ospite che interviene in questo appuntamento domenicale di Che Tempo Che Fa è il segretario del Partito Democratico Pierluigi Bersani, con il quale ovviamente largomento non poteva che essere quello delle primarie del centrosinistra e le polemiche innescate da alcuni esponenti dello stesso partito per delle regole che sono state introdotte allultimo minuto. Bersani spiega invece che questo non fa altro che aumentare la trasparenza delle primarie e offrire garanzie maggiori a tutti i vari candidati. Infine, riguardo la richiesta di Renzi di un doppio turno, Bersani si dice cauto in quanto ci sono da valutare tutte una serie di cose a partire proprio da un discorso di organizzazione e di costi. La chiusura del programma è ovviamente affidata alla graffiante Luciana Littizzetto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori