CHE TEMPO CHE FA DEL LUNEDI’/ Giorgio Panariello ed Enrico Bertolino ospiti di Fabio Fazio (video). 12 novembre 2012

- La Redazione

E andata in onda ieri sera una nuova puntata di Che Tempo che fa del lunedì, condotta come di consueto da Fabio Fazio. Il primo ospite in studio è il comico Enrico Bertolino

fazio_fabio_r439
Foto InfoPhoto
Pubblicità

Che tempo che fa del lunedì, puntata 12 Novembre 2012  E andata in onda ieri sera una nuova puntata di Che Tempo che fa del lunedì, condotta come di consueto da Fabio Fazio. Il primo ospite a fare il suo ingresso in studio è il comico Enrico Bertolino che, in occasione dei 100 anni dalla nascita di Marcello Marchesi, lo ricorda con alcune sue storiche battute. Il secondo ospite a intervenire è, come consuetudine, il vicedirettore del quotidiano La Stampa Massimo Gramellini che presenta la classifica dei 6 personaggi che nella scorsa settimana hanno fatto parlare di sé. Al sesto posto Gramellini cita la notizia secondo cui, a un anno esatto dalle dimissioni presentate da Silvio Berlusconi, tre magistrati algerini sono stati sorpresi e arrestati durante unorgia nel paese nordafricano. Al quinto posto cè invece il caso del vicedirettore della Cia, Petreus che, dopo il tradimento consumato ai danni della moglie con la quale era sposato da ben 37 anni, è stato costretto a dare le proprie dimissioni. Questo è quanto ha fatto Petreus, cosa che, sottolinea Gramellini, nessuno si sognerebbe mai di fare. Al quarto posto cè poi il presidente del Senato, Renato Schifani, che ha dichiarato in una recente intervista come il non riuscire a trovare laccordo sulla legge elettorale rischia di far schizzare ulteriormente il consenso a favore del Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo. Tra laltro reputa cosa incredibile il fatto che si voglia portare la soglia per poter avere un premio di maggioranza al 42,5% proprio per avere un sostanziale pareggio non consentendo di fatto al popolo italiano di decidere chi debba essere il proprio Premier. Al terzo posto cè lelenco di alcune tasse davvero incredibile che esistono in Italia come ad esempio quella di 500 euro sullacchiappa peluche, di 280 euro sullesposizione della bandiera italiana in un comune del Nord e limposta del 4,7% sui pupazzi umanoidi come Minnie e Topolino. Al secondo posto cè Laura Sertori, una dipendente che dopo 41 anni di contributi versati si trova a dovere far i conti con un sistema pensionistico quanto mai ridicolo. In pratica la signora, avendo lavorato per parte della propria vita in unazienda privata e in parte per la pubblica amministrazione, per ottenere il ricongiungimento dei due periodi deve pagare ben 215 mila euro allINPS. Come al solito al primo posto cè una lettera che questa volta Gramellini scrive a Mario Monti. Il terzo ospite della puntata è invece il comico Neri Marcorè che, nei panni proprio di Mario Monti in occasione dellanno appena passato alla guida del governo, si esibisce in una divertente gag in cui il Premier parla agli italiani. Le battute molto ben riuscite da parte di Marcorè sono tutte rivolte verso la continua ricerca di tagli e sacrifici per gli italiani, tantè lo sketch si chiude con il presidente del Consiglio che chiede ai tecnici di studio di abbassare le luci poco alla volta proprio per risparmiare energia elettrica fino a restare completamente al buio. Il quarto ospite della serata è lonorevole Sandro Bondi: Fazio gli chiede subito se sia a conoscenza delle reali intenzioni di Silvio Berlusconi, prendendo spunto dalle dichiarazioni rilasciate in maniera anonima da un esponente del Pdl sul quotidiano La Repubblica. Bondi confida di non essere in possesso di questa notizia, anche se si augura che il Cavaliere possa tornare a capo del Pdl. A proposito del partito, Bondi sottolinea come non basti cambiare nome e simbolo per dare nuova linfa, bensì occorrerebbe una radicale trasformazione nelle idee e probabilmente anche in alcuni uomini. Lospite successivo è il celebre violinista italiano, il maestro Salvatore Accardo, che dopo essersi esibito con la propria orchestra nello stralcio di un brano scritto da Paganini rilascia una interessante intervista in cui parla della straordinarietà proprio di Paganini e di come lui, durante un periodo difficile e duro come quello della seconda guerra mondiale, si sia avvicinato al mondo della musica. Il maestro ricorda come il padre, con tantissimi sacrifici, nonostante tutto riuscì a comprargli un violino dal quale poi ha avuto inizio la sua straordinaria carriera. Dopo il maestro Salvatore Accardo arriva il momento di Giorgio Panariello che in un divertente monologo propone le cose che un politico dovrebbe promettere in fase di campagna elettorale per riuscire a conquistare il consenso da parte dellelettorato. Lultimo ospite è invece il grande regista e maestro dellhorror Dario Argento che viene a presentare il suo ultimo film sul conte Dracula.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori