QUINTA COLONNA/ La situazione dell’Ilva e il dramma degli operai. 26 novembre 2012

- La Redazione

La puntata di lunedì 26 novembre 2012 del talk show di Rete Quattro, Quinta Colonna condotto da Paolo del Debbio, è incentrata sullesito delle Primarie del Centrosinistra

Fotolia_telecomando_R439
Fotolia

Quinta Colonna, puntata del 26 novembre 2012 – Anche la puntata di Quinta Colonna andata in onda ieri sera, lunedì 26 novembre, è quasi interamente dedicata allesito delle primarie del centrosinistra, ma non solo: si parlerà infatti anche delle sempre maggiori difficoltà economiche delle famiglie italiane e della drammatica situazione che si sta vivendo in queste ore nello stabilimento siderurgico dellILVA a Taranto. In studio per dibattere di tutto questo ci sono Ettore Martinelli e Sara Biagiotti del Pd, Laura Ravetto del PdL, il segretario generale della SIULP Felice Romano, il presidente di Federconsumatori Rosario Trefiletti e in collegamento da Roma il sottosegretario al Ministero del Governo Gianfranco Polillo. La prima parte del programma è incentrata sulle difficoltà economiche che sempre più italiani stanno riscontrando nellarrivare alla fine del mese, anche a causa di una pressione fiscale arrivata al 55% e ormai davver insostenibile. Linflazione avanza veloce mentre il reddito rimane sui propri livelli, con il risultato che viene enormemente diminuito il potere di acquisto degli stessi salari. Non vi è dubbio che ci sono alcune categorie che sono state messe alle strette come ad esempio i pensionati che percepiscono importi mensile che si aggirano tra i 450 e i 600 euro. Appare piuttosto difficile che con queste cifre si possa riuscire a tenere botta alle varie impellenze come possono essere le bollette per le utenze domestica, la spesa per mangiare e via dicendo. Chiaramente la situazione diventa enormemente più complicata per quanti non possono nemmeno contare su una casa di proprietà e quindi sono costretti a fare i conti mensilmente con laffitto. Insomma, continuando verso questa direzione l’Italia difficilmente potrà uscire da questo pantano in cui sta sprofondando. Il secondo argomento della serata è relativo al primo turno delle primarie del centrosinistra che hanno fatto riscontrare un importante successo in termini di partecipazione con oltre 3 milioni di italiani che si sono messi in fila nei circa 9 mila seggi allestiti dal Partito Democratico in tutta Italia. I dati ufficiali che sono stati diramati dallo stesso Partito Democratico soltanto in serata, evidenziano la vittoria del segretario nazionale Pierluigi Bersani, capace di raccogliere 1 milione e 395 voti circa, per una percentuale del 44,9%. Ottimo risultato ottenuto dal sindaco di Firenze, Matteo Renzi che è riuscito a raggiungere ben 1 milione e 105 voti, pari al 35,5% del totale. In attesa del ballottaggio, che avrà luogo domenica e che decreterà una volta per tutte colui che sarà il candidato premier del centrosinistra alle prossime elezioni politiche, si ipotizzano i diversi scenari che potrebbero aprirsi con la vittoria di Renzi o con quella di Bersani. Una buona parte della trasmissione viene poi riservata alla situazione drammatica che si è venuta a creare nelle ultime ore per lo stabilimento siderurgico dellILVA di Taranto, soprattutto per gli oltre 11 mila operai che vi lavorano. L’azienda, di fronte alla mancata revoca del sequestro dello stabilimento, ha comunicato ai propri dipendenti come sia stato deciso il blocco dellattività produttiva. Immediata è stata la risposta dei lavoratori che sono stati invitati dai vari sindacati a non lasciare il proprio posto di lavoro ed anzi di presidiarlo in maniera permanente con un tutti i dipendenti del turno che stavano lavorando, che sono in assemblea. Tra laltro la situazione della questione dello stabilimento nelle ultime ore è andato peggiorando visto che il Tribunale ha disposto larresto di sette persone che in base a documenti ed intercettazioni sono stati accusati di aver favorito i vertici aziendali chiudendo un occhio su alcune questioni legate alla bonifica del territorio. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori