OSCAR 2012/ Jessica Chastain vince come miglior attrice non protagonista e strappa la statuetta a Janet McTeer

- La Redazione

Ecco la carriera e la biografia di una delle attrici in nomination per la statuetta come miglior attrice non protagonista. Il mondo guarda ai vincitori, ma chi ha perso invece…

oscar_R400
Foto Infophoto

Vincitori: la miglir attrice non protagonista – L’Oscar 2012 come miglior attrice non protagonista, come ormai tutto il mondo sa, è andato all’attrice Jessica Chastain, “non protagonista” del film The Help, ma le altre attrici in nomination non sono meno “interessanti” e non è da escludere che queste attrici non arriveranno a stringere fra le mani la statuetta più ambita a livello planetario per chi opoera a vario titolo nel grande schermo. Tra queste spicca Janet McTeer, attrice britannica nata l’8 maggio del 1961 a Newcastle upon Tyne. Ha trascorso la propria infanzia a York. Ha studiato in una scuola per ragazze e sin da giovanissima ha lavorato al Theatre Royal. Ha intrapreso gli studi di recitazione presso la Royal Academy of Dramatica Art, con ottimi risultati. Il suo debutto sullo schermo è avvenuto nell’ 86, in “Half Moon Street”, un film basato sull’ omonimo romanzo di Paul Theroux. La carriera televisiva della McTeer ha visto anche un suo ruolo presso la BBC, dove ha interpretato il personaggio di Vita Sackville-West nella nota serie TV “The Governor”. Nel 1991è comparsa nel dramma di Catherine Cookson, “The Black Velvet Gown”, che vinse l’International Emmy Award.

Nel 1992 compare al fianco di Juliette Binoche in una trasposizione televisiva di “Cime Tempestose”, tratta dal romanzo di Emily Bronte. Nel 1996 Janet McTeer ottiene una grossa considerazione critica e vince sia il Laurence Olivier Theatre Award che il Critics’ Circle Theatre Award per il suo ruolo di Nora in “Casa di Bambola”, la cui produzione si sposta successivamente a Broadway. Qui la McTeer riceve il Tony Award, il Theatre World Award, e il Drama Desk Award come miglior attrice. Successivamente, la McTeer ha recitato nel film del 1999 “Tumbleweeds – In cerca d’amore”, la storia di una madre single che attraversa il paese in viaggio insieme alla figlia quasi adolescente. Gavin O’Connor, il regista, la volle a tutti i costi nel ruolo della protagonista dopo averla vista in un’ intervista. Il film fu acclamato al Sundance Film Festival e la McTeer vinse un Golden Globe come miglior attrice, oltre ad ottenere una nomination agli Oscar.

Tra i suoi flm ricordiamo anche “Songcatcher”, con Aidan Quinn, “Velvet Goldmine” di Todd Haynes, e “Tideland, il mondo capovolto” di Terry Gilliam. Per quanto riguarda il teatro, la McTeer ha interpretato Mary, regina di Scozia, in “Mary Stuart”, un dramma teatrale di Friedrich Schiller diretto da Phyllida Lloyd. Per questo ruolo ricevette un Tony Award e il Drama Desk Award, nella categoria Outstanding Actress. Continua alla pagina seguente.

Nel 2008, ha interpretato Il Dio del Massacro accanto a Tamsin Greig, Ken Stott e Ralph Fiennes, al Gielgud Theatre.Nel 2011, Janet McTeer ha cominciato a recitare in The Woman in Black, horror diretto da James Watkins, e ha interpretato il ruolo di Hubert Page nel film Albert Nobbs, accanto a Glenn Close. Per questa sua interpretazione è stata molto acclamata dalla critica e ha ricevuto la nomination all’Oscar come miglior attrice non protagonista. Per la sua impressionante carriera di attrice tetrale e cinematografica, nel 2008 Janet McTeer è stata insignita dell’OBE, il titolo di ufficiale dell’ordine dell’impero britannico (Officer of the Order of the British Empire).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori