TRAGEDIA BUS/ Pomeriggio 5: i bambini rimasti coinvolti e gli ultimi scatti della gita

- La Redazione

Nella prima parte di Pomeriggio 5 sono stati trattati i casi di cronaca di maggior rilievo di questi giorni,  come la notizia della tragedia che ha causato la morte di 22 bambini in Belgio

incidente_busR400
Foto: InfoPhoto

Nella prima parte di Pomeriggio 5 sono stati trattati i casi di cronaca di maggior rilievo di questi giorni.  E di ieri la notizia della tragedia che ha causato la morte di 22 bambini in Svizzera. Un pullman è uscito fuoristrada uccidendo quasi tutti i passeggeri: le cause andranno ora accertate. Intanto tutto il Belgio è in lutto nazionale, e in tanti hanno compiuto un vero e proprio pellegrinaggio verso la scuola alla quale appartenevano le vittime, dove ora sono stati lasciati tantissimi disegni, un modo per esprimere il dolore da parte dei piccoli amici. Un servizio mostra gli ultimi scatti di quella gita che, dalle stesse lettere, i bambini definivano bella e piacevole. Gigi Sironi è in collegamento telefonico da Sion (Svizzera), e riporta la situazione: sono molti anche i feriti, alcuni dei quali con fratture multiple. Si cambia poi argomento, andando a Montecchio (VI), dove tempo fa un carabiniere in pensione, per salvare un bambino davanti a una scuola, è stato ucciso da un pirata della strada. E’ notizia di oggi che il conducente della macchina è stato assolto: motivazione, blackout psichico. Continua poi il giallo della Costa Concordia: la campana rimasta sommersa sul fondale, strumento utilizzato proprio per segnalare la presenza della nave, sembra sparita nel nulla. Nonostante la nave sia presidiata tutto il giorno dalla guardia di finanza e dai carabinieri, l’oggetto non è più al suo posto. Poi, come introduzione alla storia di L’Aquila, dove una ragazza è stata stuprata fuori dalla discoteca, una rassegna di vicende in cui il branco, pur avendo operato stupri di gruppo, è stato assolto. Tra gli altri casi, quelli di un pedofilo che ha richiesto di essere castrato chimicamente per evitare il rischio di violenza su altri minori. In studio è presente Giampaolo Santini, presidente dellassociazione di pallavolo di Trezzano sul Naviglio, e Francesca Santolini de “Il giorno”, che parleranno di questa vicenda. Alessandra Borgia ha girato un servizio con diverse testimonianze che parlano del violentatore: «Gli amici hanno visto uscire la ragazza in stato di ebbrezza accanto al ragazzo. Probabilmente li è accaduto qualcosa che l’ha fatto infuriare. Ma qui nessuno sa dire ancora nulla. Ma la Carraffa ci tiene a dire la sua: «Dobbiamo bandire la parola provocazione dal vocabolario. Non esiste che una cosa del genere avvenga, anche sotto provocazione. 

Vengono mandate delle immagini dell’avvocato Alberico Villani, difensore del ragazzo, che ha rifiutato l’invito a presentarsi oggi in trasmissione. Il legale, nelle immagini, riferisce di movimenti che potrebbero aver provocato gravi lacerazioni durante il rapporto, che andrebbero a vantaggio del suo assistito. 
Iangemma è il medico che l’ha operata, e delle affermazioni di Villani dice che sono presenti inesattezze di ogni tipo. Prende poi la parola Francesca Santolini, che parla dello stupratore che ha richiesto la castrazione: già arrestato per lo stupro di una ragazza, dopo otto anni è tornato a piede libero. Carlo Ciccioli, neuropsichiatra del Pdl, è in collegamento per dare il suo parere: «Va seguito, ma arrestarlo può avvenire solo in flagranza di reato. Sicuramente l’uomo ha fatto un passo importante: l’autoamissione della cosa. E vanno presi provvedimenti in tal senso».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori