DR HOUSE 8/ L’ultima puntata: ecco il beffardo addio di Gregory e Wilson. Il finale

- La Redazione

Il riassunto degli episodi finali dell’ultima stagione della serie medical che ha conquistato milioni di telespettatori in 66 paesi del mondo. Ecco come il medico si è congedato 

house8_dottoreR439
Hugh Laurie

I telespettatori di Canale 5 hanno detto addio al Dr. House: ieri sera è andata in onda l’ultima puntata, con gli episodi finali della serie medical. Il detective della malattia ha regalato ai telespettatori italiani la sua ultima diagnosi e ha salutato nel suo stile cinico e beffardo. Ecco il riassunto degli ultimi due episodi. Resistere (8×21): Wilson (Robert Sean Leonard) annuncia a House (Hugh Laurie) di non voler continuare la chemioterapia, accontentandosi di 5 mesi di vita, ma House non accetta di lasciarlo morire. Il team segue il caso di Derrick che ha avuto unemorragia durante gli allenamenti, cercando di distrarre House dal pensiero della morte di Wilson, ma questi seda l’amico per somministrargli la chemio contro la sua volontà. Durante la TAC, Taub (Peter Jackson) si accorge che larea uditiva del cervello del ragazzo è attiva nonostante il silenzio e si scopre che Derrick sente la voce del fratello Christopher morto dieci anni prima. House raduna in mensa tutti i pazienti ai quali Wilson ha salvato la vita per convincerlo a resistere, ma il medico si rende conto che si tratta di attori. Dopo aver parlato con Wilson, Tredici (Olivia Wilde) va da House per convincerlo a lasciar andare lamico proprio come ha fatto con lei e sembra esserci riuscita, ma la cena proposta da House a Wilson come riappacificazione è solo lestremo tentativo di spingerlo a rivedere la sua decisione e i due finiscono per litigare. Intanto in ospedale, a causa di uno scherzetto di House (ha gettato dei biglietti per degli incontri di hockey, regalatigli da Foreman, in un bagno), un soffitto crolla distruggendo uno scanner per risonanza e ferendo Adams (Odette Yustman), Park (Charlyne Yi) e Derrick. Sentendo che il paziente ha scambiato Park per Adams, House capisce il suo problema: un’arteria fa pressione sul lobo temporale sopra al condotto uditivo, ma è curabile con un intervento. Il giorno seguente House scopre che lintervento è stato rimandato perché il paziente ha tentato di suicidarsi non volendo vivere senza ascoltare la voce del fratello, quindi si reca nella sua camera e prova a strozzarlo, fermandosi solo quando Park lo colpisce alla testa col suo bastone. Consigliato da Foreman (Omar Epps), Wilson va da House per dirgli che inizierà la chemioterapia, ma anche lamico ha riflettuto e ha deciso di lasciarlo andare. Riappacificati, i due progettano gli impegni per i prossimi cinque mesi di vita di Wilson. Purtroppo latto di vandalismo commesso da House con i biglietti fa sì che gli venga tolta la condizionale e che luomo debba tornare in prigione.

Riassunto episodio Tutti muoiono (8×22): House si risveglia, sdraiato sul pavimento di un edificio in fiamme accanto al cadavere di un suo paziente e, in una serie di allucinazioni, rivede il suicida Kutner (Kal Penn) che lo aiuta a ricostruire le ultime ore. L’agente per la libertà vigilata sta per arrivare e House si assume il caso di un eroinomane, chiedendo a Foreman di dire alla commissione che ha bisogno di lui per almeno 5 mesi, in cambio lui accetterà tutti i casi che gli capiteranno. Kutner suggerisce a House che la sua apparizione è legata al desiderio del medico di suicidarsi. Foreman e Wilson notano lassenza di House e iniziano a cercarlo. E’ il turno di Amber che lo interroga sul caso delleroinomane, scoprendo che House aveva rifiutato tutti i casi, facendo infuriare Foreman, e aveva dato all’eroinomane una diagnosi di Sla dichiarandolo in procinto di morire. Solo dopo si era accorto che il paziente aveva semplicemente inalato un rametto. Amber convince House a uscire dall’edificio in nome della soddisfazione che ricava curando i pazienti, ma un pavimento crolla e House precipita. Tocca a Stacy che spiega a House come Wilson gli abbia fatto sempre da coscienza interiore e come ora dovrà imparare a guardare meglio dentro se stesso. Infine arriva Cameron (Jennifer Morrison) che gli consiglia la morte come ricompensa per quanto ha sofferto. House confessa a Cameron che, dopo aver dato la diagnosi di SLA al paziente, questi, credendo di dover morire, si era offerto di prendersi la colpa dello scherzetto del bagno. Eppure lui, quando si era reso conto di aver sbagliato la diagnosi, pur sapendo di andare a suo danno, aveva deciso di curarlo, dimostrandosi meno egoista di quanto credeva. Con questa consapevolezza, House si avvia alluscita, tuttavia Foreman e Wilson arrivano in tempo per vedere ledificio crollare. Viene estratto dalle macerie un cadavere e l’autopsia conferma: si tratta di Gregory House. Continua alla pagina seguente.  

Durante l’elogio funebre, Wilson rimprovera House di essere morto da egoista senza pensare a nessun altro, ma riceve un messaggio con scritto “Sta zitto idiota!”. Poco dopo scopre che House è uscito dal retro, sostituendo le sue impronte dentali con quelle del cadavere. In questo modo è libero di trascorrere gli ultimi mesi di vita che restano a Wilson insieme a lui. Alla fine: Taub lascia l’ospedale per stare con i figli; Chase (Jesse Spencer) è primario del reparto di medicina diagnostica; Cameron, sposata, ha un figlio e si occupa del pronto soccorso; Foreman è direttore sanitario; House e Wilson, in sella alle loro moto, si avviano verso la loro ultima avventura insieme…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori