QUINTA COLONNA/ Anticipazioni: Costa Concordia, il memoriale di Schettino. Salvo Sottile su Canale 5 con l’approfondimento estivo

- La Redazione

Debutto del nuovo programma del conduttore di Quarto Grado, che passa alla rete ammiraglia con un nuovo talk di cronaca e attualità. Le anticipazioni della prima puntata

salvo_sottileR439
Salvo Sottile conduce Linea Gialla

Quinta colonna (anticipazioni) debutta stasera, 5 luglio 2012, su Canale 5 alle ore 21.10 con la prima puntata. Salvo Sottile, reduce dal successo di Quarto Grado, approda alla rete ammiraglia Mediaset con un programma inedito, che proporrà ai telespettatori un ampio e interessante approfondimento giornalistico (solitamente latitante nei palinsesti estivi delle reti generaliste) che spazierà dalla cronaca nera, all’attualità. Un viaggio nell’Italia della cronaca, della politica, del lavoro, ma non mancheranno anche temi leggeri.

A Quinta colonna il fratello di Raffaella Fico con i retroscena della gravidanza e di Balotelli

La formula avrà lo stile di Quarto grado, visto il successo che il settimanale di cronaca nera ha avuto in questi anni su Rete 4 e Il programma, scritto da Salvo Sottile e da Siria Magri (autrice e curatrice di Quarto Grado) indagherà sui fatti rivelandone i retroscena, gli aspetti inediti e nascosti che spesso restano all’ombra delle telecamere e delle pagine dei giornali. Tantissimi gli argomenti che Salvo Sottile, avvalendosi di una robusta squadra di inviati, racconterà agli italiani dalla sua Quinta colonna: tra questo l’attentato a Brindisi, in cui ha perso la vita Melissa Bassi. A Quinta colonna si parlerà di questo tragico fatto da un punto di vista inedito: il racconto di Sabrina Ribezzi, compagna di Melissa, miracolosamente sfuggita alla morte. Ma non mancheranno servizi sull’Italia della crisi, con le sue vittime, attraverso racconti e testimonianze finora mai rese note. Ma si parlerà ancora di Europei 2012, mettendo in mostra il lato meno pregevole della grande manifestazione calcistica appena conclusa. Ancora cronaca con il naufragio del Costa Concordia: Salvo Sottile aveva proposto numerosi approfondimenti nel corso delle puntate di Quarto Grado, ma ne rivelerà nuovi retroscena a Quinta Colonna, proprio nel giorno in cui è stato reso noto (da Tgcom 24) che il capitano Francesco Schettino è stato scarcerato. E alla pagina seguente troverete le anticipazioni della prima esclusiva di Quinta Colonna, il memoriale di Francesco Schettino. Ma non mancheranno approfondimenti riguardanti la politica, che in questo mesi in Italia sta attraversando una fase particolarmente complessa e delicata e ci sarà spazio per altri argomenti di attualità. Si parla anche di una malattia insidiosa come l’autismo: ospite in studio Franco Antonello, protagonista del libro “Se ti abbraccio non avere paura”, che per liberare il figlio autistico Andrea dal suo guscio impenetrabile ha attraversato con lui Stati Uniti e Sud America, fino all’Amazzonia. Continua alla pagina seguente. 

Quinta Colonna” propone in esclusiva il memoriale scritto dal comandante della Costa Concordia Francesco Schettino ai suoi legali. Ilaria Cavo, inviata del programma condotto in diretta su Canale 5 da Salvo Sottile, è venuta in possesso del documento inedito. Ecco parte del testo del documento, divulgato dall’ufficio stampa di Quinta Colonna:

“Subito dopo l’urto ho disposto tre ordini in successione che sono stati vitali per evitare ciò che definisco l’inimmaginabile, ovvero la catastrofe

1) Chiudere le porte stagne a poppa, ordine dato a prescindere dal fatto che dovevano essere già mantenute chiuse…

2) Il timone tutto a dritta, perche’ era evidente che altrimenti, mantenendo il timone a sinistra e con la spinta (ndr la sostituisco alla parola abbrivio) ci saremmo schiantati con la prora contro l’isola..

3) Il nostromo a prora, pronto a dare fondo all’ancora, per fermare la nave in caso iniziasse lo scarroccio incontrollato verso terra Hanno chiamato esperti dall’estero per farsi spiegare la mia manovra dopo l’urto, ma – mi chiedo . cosa c’era da capire? L’iniziale curva a destra per evitare l’ostruzione, poi la curva a sinistra per rallentare la scodata della poppa e poi la virata a dritta che porta la nave a disimpegnarsi dall’isola… Il successivo scarroccio (cioè l’avvicinamento verso terra) non è stato interrotto gettando l’ancora ed è lì, in quel momento, che ho compiuto la scelta definitiva che oserei definire “solenne”.

Il resto stasera, in diretta su Canale 5



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori