LA ZANZARA/ Papa Francesco telefona a Odifreddi: è uno scherzo ma lui ci casca in pieno

- La Redazione

Per i conduttori de La zanzara un altro obbiettivo centrato in pieno. Hanno telefonato al professor Odifreddi fingendo fosse Papa Francesco e lui ci è cascato in pieno

odifreddi_piergiorgioR400
Foto InfoPhoto

Povero professor Odifreddi: da ateo convinto e sostenitore accanito dell’ateismo ci mancava solo una telefonata del Papa, dopo che l’ex Papa gli aveva scritto una lettera. Sarà proprio per la missiva di Ratzinger che Odifreddi è caduto in pieno nello scherzaccio dei conduttori de La zanzara, ma anche forse per via delle tante telefonate a privati cittadini cui Bergoglio ci sta abitando. Sta di fatto che appena sentita la voce del (finto) Papa il professore ha replicato emozionato: aspetti che mi alzo in piedi  per rispetto. Dopo di che il finto Papa lo ha un po’ rimproverato sulle recenti dichiarazioni a proposito dell’Olocausto al che Odifreddi ha prontamente risposto che lui non si sognerebbe mai di metterlo in dubbio: “Ma è un completo fraintendimento, non ho assolutamente nessuna intenzione di negare né lOlocausto, né le camere a gas. Invece ho detto semplicemente qualche cosa sulla verità. La verità storica è diversa dalla verità matematica, ma purtroppo queste cose sul blog sono troppo sofisticate per poterle capire quindi è stato un errore voler parlare di queste cose in un ambiente che non è adatto. A questo punto fa sapere di essere contento che il Papa ha letto le sue parole e il finto Papa affonda il dito nella piaga: mi piacerebbe incontrarla di persona, dice. Odifreddi: sarò a Messa a Santa Marta il 25 ottobre, ci vediamo dopo? E poi si spinge avanti: che ne direbbe di scrivere l’introduzione al mio nuovo libro? “Le faccio avere le bozze del libro che esce ai primi di novembre  e lei è lunico che può fare la prefazione. Chi potrebbe fare la prefazione a un libro con la lettera di Ratzinger se non un altro Papa. Insomma questi atei convinti cosa non farebbero per avere un Papa per amico…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori