QUARTO GRADO/ Sarah Scazzi, Angela Celentano e Lidia Macchi tra i casi nella puntata del 25 ottobre 2013

- La Redazione

Questa sera in prima serata, ore 21.10 su Rete 4 un nuovo appuntamento con Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero con Quarto Grado che cercherà di fare luce sui gialli irrisolti

quarto-gado-2013
Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero (Infophoto)

Andrà in onda questa sera, su Rete 4 alle ore 21.10, un nuovo appuntamento con Quarto Grado, condotto da Gianluigi Nuzzi affiancato da Veronica Viero, il programma che cerca di fare luce sui misteri irrisolti della cronaca nera italiana. Al centro della puntata odierna avremo un approfondimento sull’omicidio di Sarah Scazzi per mano della famiglia Misseri. Per l’omicidio della giovane Sarah, avvenuto ad Avetrana il 26 agosto 2010, la Corte d’assise di Taranto ha condannato all’ergastolo Sabrina Misseri e Cosima Serrano. Michele Misseri invece è stato condannato a 8 anni per concorso in soppressione di cadavere. Per lo stesso reato sono stati inflitti 6 anni ciascuno a Carmine Misseri e Cosimo Cosma, rispettivamente fratello e nipote di Michele Misseri. In studio troveremo Concetta Serrano, madre della ragazzina uccisa, che torna a parlare davanti alle telecamere. 

Ma il programma a cura di Siria Magri, affronterà anche il giallo di Lidia Macchi, la giovane 21enne uccisa nel varesotto nel lontano 1987, sulla cui morte aleggia ancora un alone di mistero. Ma cè una nuova pista: alla luce delle dichiarazioni rese nella scorsa puntata da Cinzia e Tina Piccolomo, figlie del cosiddetto killer delle mani mozzate, è possibile che anche lomicidio della studentessa e scout sia riconducibile al padre Giuseppe Piccolomo? Tra i altri temi della serata odierna, i due conduttori in studio aggiornaneranno i telespettatori sul delitto di Katia Tondi, la donna di 31 anni trovata morta a San Tammaro (Caserta), con il marito principale indagato. 

Infine la trasmissione tornerà a occuparsi di bambini scomparsi, partendo dal caso di Angela Celentano scomparsa nel 1996.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori