ITALIA’S GOT TALENT 5/ Quarta puntata: i promossi e i bocciati. 5 ottobre 2013

Ieri sera, sabato 5 ottobre, su Canale 5 è andata in onda la quarta e penultima puntata dedicata alle selezioni della quinta edizione di Italia’s got talent

06.10.2013 - La Redazione
italia-got-talent-giudici
La giuria di Italia's got talent

La quarta puntata di “Italias got talent” ha visto sul palco la partecipazione di talenti unici e dilettanti allo sbaraglio convinti di essere dotati di particolari capacità che non sempre sono state capiti dalla giuria presieduta da Maria De Filippo, Gerry Scotty e Rudy Zerbi e dal pubblico. Il primo a esibirsi è Tore Dantocchi che presenta un numero di contorsionismo. Travestito da “The Mask” mostra uno spettacolo di alta qualità, aggiudicandosi tre voti positivi. Andrea Sestrieri di Roma educatore nella vita, conquista il pubblico e i tre giudici con un numero di illusionismo. La sua rappresentazione è elegante da grande serata da Las Vegas. Anche lui si prende tre consensi positivi.

Verso le 21.40 cè un fuori programma che nessuno si aspetta. Si presentano sul palco due giovani Piero e Bruno. A esibirsi è Piero, ma Bruno lo accompagna poiché Piero Serafino è affetto da una grave balbuzie che scompare quando inizia a cantare. Piero canta ” Uomini soli” dei Pooh e ha davvero una bella voce confermata anche dagli applausi del pubblico. Alla fine dellesibizione la regia manda in onda un filmato dove ritrae Piero Serafino nelle vesti di inviato speciale di una radio e parla normalmente. Maria De Filippi sarrabbia molto e chiede spiegazioni, poiché visto che la voce “cè” non capisce che bisogno cera di inventare la storia della balbuzie. Bruno interviene dicendo che lui è un talent scount e che ha creduto al racconto di Piero. Piero a questo punto si giustifica dicendo che lui ha sofferto di balbuzie causata da uno spavento dopo una violenza subita. Oramai non si sa più dove sta la verità e dove la bugia, la giuria passa ai voti. Maria De Filippi vota “Sì” perché nonostante tutto vuole premiare la voce di Piero, mentre Gerry e Rudy lo licenziano con un “No” imperativo. Davide, Alessandro e Federico imitano le città dItalia e Gerry e Rudy devono indovinare di quale città si tratta. La sfida viene vinta da Rudy per 3 a 2, mentre i ragazzi incassano tre “Sì”. 

Lesibizione esterna è affidata a una coppia di pattinatori su ghiaccio. Massimo Contati presenta un numero di illusionismo questa volta condito di risate e demenzialità. Tony Frebourge fa un numero di diablo, una disciplina sconosciuta in Italia ma di grande effetto e abilità. Francesco, un giovane di 20 anni gioca contemporaneamente con due videogiochi. Claudio Fatine rompe il ciclo dei “tre Sì” cantando una canzone sciocca che strappa la risata ma non il passaggio alla successiva selezione. Con Bruna Vero si assiste a un monologo di grande teatralità, in parte ricorda le rappresentazioni di Lella Costa i tre “Sì” sono tutti meritati. 

Cesare Buffagni disegnatore di fumetti mette in pratica la sua arte in uno spettacolo divertente e goliardico. Raffaele Scirgoli da mentalista propone un numero che come sempre lascia tutti interdetti . Stefano e Gianluca ripropongono una nuova versione della “Vecchia fattoria” con imitazione perfetta degli animali. Tutti questi talenti vengono premiati con tre “Sì”.

Intorno alla mezzanotte la serata viene riscaldata da un po’ di movimento e musica. Bisogna alzare il tono, l’ora è tarda e un po’ di stanchezza comincia a farsi sentire. Sale sul palco Giuseppe nelle vesti di sindaco e con la complicità di due Miss si scatena in un ballo che coinvolge il pubblico. Poi è il momento di una danzatrice di flamenco e di un pianista che propone sigle di programmi televisivi. Risultati deludenti.

Sono le 24.30 quando la trasmissione giunge al termine. La serata è stata ricca di giovani talenti. Mancano soltanto due puntate e poi si passa alle semifinali dove a votare sarà il pubblico a casa con il televoto. Il prossimo appuntamento è per sabato 12 ottobre su Canale 5 alla stessa ora, con la stessa giuria e gli stessi presentatori e un’altra interessante carrellata di talenti veri e incompresi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori