LINEA GIALLA/ Roberta Ragusa, le nuove testimonianze nella puntata del 26 novembre 2013

- La Redazione

Due nuove testimonianze sul caso di Roberta Ragusa raccolte nella puntata di Linea Gialla andata in onda ieri, martedì 26 novembre 2013. Vediamo anche gli altri casi affrontati

salvo_sottileR439
Salvo Sottile conduce Linea Gialla

Il primo caso affrontato nella puntata di Linea Gialla in onda ieri, martedì 26 novembre 2013, è quello dellomicidio di Meredith Kercher. Si torna a parlare di questo tragico caso perché il procuratore generale, in seguito alla comparsa di nuove prove nel processo, ha chiesto una condanna di ventisei anni sia per Raffaele Sollecito che per Amanda Know. In più è stata chiesta unaggiunta di ben quattro anni per la studentessa statunitense per calunnia. Della vicenda ha parlato il padre di Raffaele Sollecito, Francesco, che ha spiegato come la richiesta labbia colto di sorpresa. Luomo si sarebbe augurato una rivisitazione quantomeno più concreta di quanto riferito in tutti e tre i gradi di processo. Gli viene poi chiesto se abbia mai avuto dei dubbi circa linnocenza di suo figlio Raffaele. Una domanda tanto retorica quanto importante da essere posta, dal momento che in momenti delicati come questo spesso si tende a lasciarsi andare, abbandonando eventuali maschere. Il signor Sollecito però risponde seccamente che ha sempre ritenuto Raffaele pienamente innocente. Inoltre aggiunge che quanto riportato proprio da Linea Gialla non fa altro che confermare lestraneità del suo ragazzo. A questo punto si nota chiaramente la delusione delluomo, il quale dichiara che ormai Raffaele è un elemento in più in questo processo. Egli infatti sarebbe posto sulla scena semplicemente perché aveva con sé un coltellino. 

Si passa poi a parlare di uno dei casi più scottanti degli ultimi anni, quello della scomparsa di Roberta Ragusa, la quale sarebbe stata avvistata da Pasquale Davi, un cuoco che lavora a Cannes. Egli sostiene daver visto la donna, invecchiata e leggermente ingrassata, passeggiare serenamente dinanzi al ristorante presso il quale lavora. La sua testimonianza però viene messa in dubbio da qualcuno che lavora a stretto contatto con lui, Nicolas Bendinelli, il quale non sostiene affatto la sua versione dei fatti. Le parole di Davi avevano ridato speranza, ma soprattutto riaperto un caso che sembrava essere indirizzato su di un unico binario, il quale però, a oggi, non è ancora stato in grado di offrire dei risultati concreti. A breve i Carabinieri di Pisa arriveranno in Francia, così da poter verbalizzare la sua dichiarazione. Bendinelli era stato chiamato in causa proprio da Davi, che aveva dichiarato daver visto la donna insieme con un suo collega italo-francese, per lappunto Bendinelli, il quale però ha poi sostenuto di non saperne nulla, e di non aver visto la donna. A parlare del caso però è intervenuta anche unamica, una donna delle pulizie che avrebbe notato alcuni elementi sospetti la notte della scomparsa di Roberta. La donna sostiene che quella notte tutte le luci in casa della Ragusa erano spente, cosa che solitamente non avviene, ma che soprattutto lauto di Logli era posizionata in maniera insolita. Il suo intervento si conclude in maniera triste. La donna infatti è rassegnata e, sottolineando di conoscere molto bene quella famiglia, dice che Roberta non verrà mai trovata e che il caso sarà infine chiuso senza che una risposta venga finalmente trovata. 

Si torna poi a parlare del presunto suicidio di Mario Biondo. Sono in tanti, vicini al defunto, a ritenere improbabile lipotesi di un suicidio. A parlare stavolta è Vladimir Luxuria, la quale conosceva Mario, e che non crede affatto a quanto ricostruito finora. Lei ha conosciuto il ragazzo qualche anno fa, quando prese parte al reality show Lisola dei famosi, presso il quale Mario era impegnato in qualità di operatore. Sullisola le telecamere erano una componente fissa e difficile da ignorare e, continua Luxuria, concorrenti e operatori vivevano a stretto contatto in quello che era diventato in pratica una sorta di paesello. Ogni momento della giornata era condiviso con loro, e così un giorno Luxuria si è avvicinata a Mario, chiedendogli della sua vita sentimentale. Era un ragazzo sereno e dedito al suo lavoro. Così lo definisce lex parlamentare, che parla poi, brevemente, anche di sua moglie Raquel. Lei era andata a trovare il marito in Honduras, dandole limpressione dessere una donna molto riservata, che teneva tanto a suo marito, risultando anche un po possessiva, tenendoselo costantemente stretto. Senza scendere troppo nei dettagli Luxuria sottolinea come Raquel Sanchez Silva, ovvero la vedova di Mario, sia stata vista in vacanza a solo un mese dalla scomparsa del marito. 

Si analizza poi la strana morte di Roberto Straccia, di cui si cerca ancora un ipotetico omicida. Il ragazzo era scomparso sul lungomare di Pescara, ma il suo corpo, con chiari segni dannegamento, è stato ritrovato sul litorale barese. Per gli inquirenti si tratta di un tragico incidente, ma il padre e la sorella di Roberto non sono affatto daccordo e pretendono risposte. 

Non si sa ancora nulla del corpo di Francesca Benetti, della cui sparizione è sospettato il custode Antonino Bilella. Luomo aveva una passione morbosa per lei, e sia in casa sua che nel bagagliaio sono state rinvenute tracce di sangue. Bilella intanto resta in silenzio, ma in casa sono stati rinvenuti anche 5000 euro e dellhashish. Non si arrende però Aldo Scotto, ex compagno della donna, il quale perlustra la zona intorno Villa Adua, aiutato da dei volontari arruolati grazie a un gruppo su Facebook.

Tutto pronto per una nuova puntata di Linea Gialla. Salvo Sottile questa sera tornerà a parlare del caso di Roberta Ragusa, presentando dei documenti inediti da Cannes, e poi si concentrerà sulla scomparsa di Francesca Benetti. A quanto pare, poi, ci dovrebbe essere un intervento di Vladimir Luxuria, circa Mario Biondo, che aveva conosciuto nel corso della trasmissione L’Isola dei famosi, dove lavorava come cameraman. Ricordiamo che la trasmissione si può seguire in diretta streaming cliccando qui.

Come ogni martedì, Salvo Sottile conduce anche questa sera, martedì 26 novembre 2013 alle ore 21.10, una nuova puntata di Linea Gialla, il nuovo settimanale targato La7 che analizza numerosi casi di cronaca, sia quelli ancora irrisolti che aspettano da tempo delle risposte, sia quelli più strettamente legati allattualità. Tra questi, merita sicuramente uno spazio quello riguardante la scomparsa di Roberta Ragusa: infatti, il viaggio della trasmissione di La7 alla ricerca dei testimoni che possano aver visto la donna ha preso una strada improvvisa. Una fonte ha rivelato una notizia a Linea Gialla e la redazione è entrata in possesso di un indirizzo che porta in Francia, a Cannes. Si tratta di una testimonianza che potrebbe far luce sulla lunga scomparsa di Roberta Ragusa e stasera verrà presentato questo documento eccezionale. Si tornerà poi a parlare anche dellomicidio di Meredith Kercher e del processo che vede tornare protagonisti Amanda Knox e Raffaele Sollecito, ma anche del caso relativo alla scomparsa di Francesca Benetti, 55 anni, di cui al momento è accusato (in particolare di omicidio e occultamento di cadavere) Antonino Bilella, il custode della villa dove la donna viveva. Si tornerà poi a parlare della morte di Mario Biondo, in parte ancora avvolta dal mistero. Nel corso della trasmissione, anche il pubblico potrà interagire chiamando il centralino di Linea Gialla al numero 02/87317 e fornire così spunti interessanti, testimonianze inedite o interrogativi sui temi trattati. Linea Gialla è anche in streaming allindirizzo live.la7.it, mentre su www.lineagialla.la7.it saranno disponibili i video dei momenti più importanti delle puntate e le repliche integrali. Infine il programma targato La7 è anche su Facebook (facebook.com/lineagiallala7) e su Twitter (@lineagiallala7).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori