QUARTO GRADO/ Yara Gambirasio, Francesca Tarca e Simona Riso. Anticipazioni puntata 8 novembre 2013

- La Redazione

Nella puntata di questa sera di Quarto Grado verranno trattati i vari casi di cronaca nera recente che riguardano le donne. Si parte dall’omicidio di Simona Riso e di Yara Gambirasio

quarto-gado-2013
Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero (Infophoto)

Ritorna lappuntamento settimanale in prima serata su Rete 4 con Quarto Grado. Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero condurranno una puntata in cui il femminicidio sarà il filo conduttore dellintera serata. Si parte con il caso di Simona Riso, la ragazza calabrese morta la scorsa settimana nel quartiere di San Giovanni a Roma. Le autorità competenti stanno cercando di capire se la 28enne sia deceduta in seguito a un volo di alcuni metri o se è stata uccisa allinterno della sua abitazione. Ancora molti interrogativi pendono sul caso e per gli inquirenti non sarà un compito facile trovare il bandolo della matassa.

Si proseguirà con le novità circa la scomparsa di Francesca Tarca, la donna di Mello (So) di cui si sono perse le tracce da più di una settimana. Dopo le testimonianze delle persone che lhanno vista prima che sparisse, è arrivato un altro elemento che potrebbe contribuire in maniera determinante alle indagini in corso: il cellulare sarebbe stato riacceso dopo alcuni giorni dalla scomparsa della donna. Un giallo avvolto nel mistero, unincognita da risolvere partendo proprio dalla ricerca della persona che avrebbe riacceso il dispositivo.

La scaletta di Quarto Grado volgerà verso il finale ponendo al centro dellattenzione il fenomeno del femminicidio. Verranno riesaminati casi già trattati nelle puntate precedenti che non sono ancora stati risolti: tra questi, quelli di Katia Tondi, Roberta Ragusa e Mariella Cimò. Gli inquirenti dellomicidio di Yara Gambirasio hanno di recente analizzato il sangue trovato sul corpo del delitto. Ora Ignoto 1 ha un nome, e lintrigata vicenda tra figli legittimi e non del sig. Guerinoni prosegue con dei quesiti che necessitano ancora di una risposta valida per trovare un colpevole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori