BALLANDO CON LE STELLE 2013/ Chi è Simone Di Pasquale, con Lea T pronto a giocarsi la vittoria finale

- La Redazione

Simone Di Pasquale ha vinto la prima edizione di Ballando con le stelle e quest’anno prova a portare Lea T ad aggiudcarsi la finale del programma in onda su Rai Uno

leat_simone_ballando_r439
Lea T. e Simone Di Pasquale
Pubblicità

La passione per il ballo, Simone Di Pasquale la coltiva fin da giovanissimo, quando inizia a danzare a livello agonistico. La ferrea disciplina che ogni sport impone finisce per forgiare una stella nascente nel panorama della danza sportiva italiana: Simone vince numerosi premi sia nazionali che internazionali. Ma l’attività agonistica non frena il suo talento, anzi lo rinvigorisce di metodo e disciplina, permettendogli di esprimere al meglio le sue doti e la sua creatività musicale.  proprio Ballando sotto le stelle, il programma musicale di Rai Uno condotto da Milly Carlucci, a consacrarlo al grande pubblico; in coppia con Hoara Borselli, Simone vince la prima edizione dello show e diventa uno dei volti più amati della trasmissione. Alla prima fortunata partecipazione, seguono le Super Coppe dello stesso programma, dove si conferma protagonista. 

Pubblicità

“Ballando” diventa per lui un trampolino di lancio nel mondo dello spettacolo, partecipando a diverse produzioni Rai (tra cui, in veste di giurato, all’edizione 2009 di Miss Italia). Massimo Romeo Piparo pensa a lui per impersonare niente di meno che Tony Manero, nella versione teatrale de “La febbre del sabato sera”, che attraversa, in tour, le maggiori città italiane. Lo spettacolo è un successo e viene replicato nelle due stagioni teatrali successive: la grinta e il talento musicale di Simone lo portano a interpretare in maniera originale la colonna sonora dei Bee Gees. E così la coppia Di Pasquale-Piparo ci riprova, nel 2008-2009, con “Hairspray-Grasso è bello”, dove interpreta il ruolo del bello e tenerissimo Link. 

Pubblicità

Al successo teatrale e televisivo, Simone De Pasquale alterna l’attività di insegnante di danza, attraverso il coordinamento dei progetti di Latin Up e Personal Dance, e l’attività di Twister Entretainment, società di produzione di eventi. E “Ballando sotto le stelle”? Negli anni Simone De Pasquale è diventato uno dei protagonisti principali della fortunata trasmissione di Rai Uno e quest’anno, nella nona edizione, fa coppia fissa con Lea T, notissima modella brasiliana. Lea è la figlia del calciatore della Roma Toninho Cerezo, cresciuta nella capitale dove ha mosso i primi passi come modella. L’inizio per la coppia è in sordina: i due esordiscono nella seconda puntata con un charleston e ottengono 20 punti, a pari merito con Jesus Luz e Agnese Junkure. Anche nella terza puntata il cha cha presentato dalla coppia non va oltre i 22 punti e questo risultato impone loro il ballottaggio con la coppia Constatini-Bondareva.

Uno scatto di orgoglio li porta però ad avere la meglio sui rivali e così è Costantini a essere eliminato. La quarta puntata è dedicata alla sfida fra le coppie: Lea T e Simone Di Pasquale devono vedersela con Elisa di Francisca e Raimondo Todaro: la modella e il nostro Simone vincono la sfida. Sembra il preludio a una possibile rimonta, ma il peggio arriva alla quinta puntata. Alla prima sfida contro Lorenzo Flaherty e Natalia Titova e contro Francesca Testasecca e Stefano Orodei, la coppia Lea-Simone, vince di misura, e nella manche di rumba cubana ottiene 39 punti. Ma la serata riserba una beffa atroce: al televoto Lea T non passa e va in ballottaggio con Veronika Logan e Maykel Fonts, che vincono la sfida. 

Simone non è tipo da arrendersi facilmente: nel corso dell’ottava puntata, i due lottano fine alla fine e vengono ripescati per la semifinale insieme a Gigi Mastrangelo e Sara di Vaira. La nona puntata è la conferma di una crescita costante da parte della coppia: la rumba con la quale si esibiscono permette loro di guadagnare ben 43 e conquistarsi il diritto di accedere alla finale. E l’ultimo giro di pista potrebbe essere, per Simone, un altro giro vincente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori