AMICI 2013/ Chi è Gloria Atzeni, la cantante a cui hanno rubato il cellulare

- La Redazione

La cantante sarda Gloria Atzeni entrata a far parte della classe di Amici 13, si era presentata ai casting del talent show anche lanno scorso senza successo. Stavolta ce l’ha fatta

amici-13-gloria-atzeni
Gloria Atzeni

Anche la Sardegna sarà rappresentata nella scuola di Amici 13. A tenere alta la bandiera dell’isola sarà Gloria Atzeni una ragazza di ventidue anni nata a Monserrato e che attualmente risiede a Cagliari, la quale è riuscita infine a strappare uno dei banchi che costituiscono il sogno di tanti ragazzi nella puntata del 30 novembre. Una impresa che le consente quindi di entrare a fare parte del cast della edizione 2014 nell’ormai tradizionale talent show condotto su Canale 5 da Maria De Filippi.

Gloria Atzeni è nata il 4 luglio del 1991. La passione per il canto è stata da lei coltivata sin da piccola, quando ancora bambina ha iniziato a dimostrare le ottime doti vocali che ne facevano presagire una ulteriore crescita. Solo a diciotto anni, però, la ragazza ha infine deciso di sfruttare al meglio le sue caratteristiche, iscrivendosi a una scuola di canto. Nel corso dell’ultimo biennio ha iniziato a esibirsi nelle piazze delle feste patronali che si svolgono in tutta la Sardegna e nelle discoteche isolane, cimentandosi in qualità di vocalist. Già nel corso dello scorso anno aveva provato l’avventura ad Amici, senza però riuscire a essere ammessa, centrando invece l’obiettivo al secondo turno, dimostrando perciò di avere la forza d’animo necessaria a non farsi smontare dalle avversità. Nel corso del 2011 era invece riuscita a qualificarsi tra i cinquanta finalisti di Area Sanremo.

Nelle interviste che sono state da lei rilasciate in vista dello show ha messo in evidenza pregi e difetti che pensa di avere. Tra i pregi ha voluto indicare un sano realismo, la sincerità e la grande sensibilità. Tra i difetti una impazienza che la porta alcune volte a strafare. Ha anche affermato di dare spesso una impressione sbagliata al primo impatto, risultando altezzosa e viziata, equivoco che deriva probabilmente dalla riservatezza che è del resto uno dei caratteri tipici dei sardi. Ha inoltre affermato di avere molti conoscenti, ma pochi amici stretti, altra conseguenza di una una riservatezza che la spinge ad aprirsi solo con chi conosce bene.

Pur desiderando avere più di quanto non abbia ora, afferma di essere comunque contenta della sua attuale condizione. Il suo rapporto con la musica è molto forte, tanto da spingerla ad affermare che è una vera ragione di vita. Non c’è perciò da stupirsi se nel corso delle selezioni preliminari ha risentito in modo molto evidente della tensione accumulata, sino a sciogliersi in un pianto liberatorio nella puntata che le ha consegnato uno dei banchi di Amici. 

La sua partecipazione, intanto, ha già fatto un certo scalpore anche in rete, Gloria Atzeni, infatti, si è accorta al termine della sua esibizione del 30 novembre di essere stata derubata del suo cellulare. Un furto di cui si è accorta solo poco prima che venisse formata la classe della trasmissione e avvenuta quando la ragazza sarda si è trovata nella stanza con coloro che invece non erano stati ammessi. Al furto del suo iPhone, ha reagito dimostrando un bel caratterino, con un messaggio postato sulla sua pagina di Facebook, nel quale si è rivolto personalmente a chi ha operato il furto. Il responsabile si è ritrovato infatti come destinatario di un messaggio che suona come una sorta di pubblica umiliazione, in quanto la Atzeni ha voluto ricordare che un cellulare può essere comprato, a differenza del banco e della maglia di Amici.

Un messaggio condiviso da molti dei suoi primi fan, i quali non hanno esitato a bollare con parole di fuoco l’incauto responsabile di un gesto assurdo. Oltre a ricordare allo stesso, che in fondo la delusione di quest’anno può sempre essere riscattata il prossimo anno, come ha fatto proprio la ragazza sarda, senza bisogno di dar luogo a manifestazioni di scarsa intelligenza come questa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori