CENTOVETRINE/ Anticipazioni: Damiano contro Viola. Trama puntata 19 febbraio 2013

- La Redazione

Brando riconquista Viola, mentre Ettore in prigione si sente male e viene aiutato da Ascanio. Zanasi dopo essere stato minacciato da Damiano è stato picchiato a sangue

centrovetrine-logo
centovetrine

La situazione sentimentale tra Viola (Barbara Clara) e Brando (Aron Marzetti) sembra essere tornata alla normalità con lui che ha saputo riconquistare il suo cuore nonostante lei avesse disdetto le nozze. Infatti, Brando aveva deciso di fare un gesto dal quale Viola ha potuto capire il grande amore che lui ha nei suoi confronti. Ha atteso per ore e ore davanti al cancello di casa sua fino a quando lei, dando ascolto al suo cuore, ha deciso di mettere da parte il proprio orgoglio ferito gettandosi tra le sue braccia per un appassionato e pacificatore bacio. Viola prima di rimettere in piedi il loro rapporto, mostra degli ultimi tentennamenti che però svaniscono immediatamente dinnanzi alla ventilata volontà da parte di Brando nel volerla sposare quanto prima e passare tutta la vita accanto a lei. I due quindi salgono nella macchina di lui e si mettono in viaggio verso la tenuta, dove, dopo una splendida e romantica cena, passano una notte che probabilmente entrambi desideravano da un bel po di giorni trascorrere.

Nel frattempo nel carcere di Torino, Ettore (Roberto Alpi), dopo essersi sentito male nel corso della nottata, è stato portato nel reparto medico visto che ha una febbre piuttosto alta, anche se mostra di essersi ripreso piuttosto bene. La direttrice di buon mattino, una volta venuta a sapere di quanto accaduto, va a trovarlo. Lei si mostra piuttosto dura nei suoi confronti arrivando a ipotizzare che questa improvvisa febbre sia stata creata dallo stesso Ferri. Infatti, la direttrice crede che per mettersi al sicuro rispetto ad altre ritorsioni nei suoi confronti da parte di Corradi, Ettore abbia assunto qualche sostanza che faccia impennare per qualche giorno la temperatura corporea e quindi restare protetto nel reparto sanitario. Ettore esclude categoricamente questa situazione, in quanto sa benissimo di non aver assunto alcuna sostanza e inoltre rimarca come lui non sia quel genere di uomo pronto a scappare dinnanzi alle difficoltà e poi le chiede come mai ci sia tutto questastio nei suoi confronti. La direttrice per prima cosa lo avverte che saranno effettuate delle analisi sul suo sangue per verificare se effettivamente non ha ingerito tali sostanze (in caso di esito positivo sarà trasferito lontanissimo) e poi gli fa capire che con il suo atteggiamento poco collaborativo, non denunciando le malefatte di Corradi, può essere considerato a tutti gli effetti un suo complice e quindi verrà punito con lallontanamento dal carcere di Torino. 

Nel frattempo nella zona ricreativa del carcere, Corradi si avvicina ad Ascanio per chiedere informazioni sul perché Ettore non sia presente nella sua cella. Ascanio lo informa del malore accusato durante la notte e del conseguente trasferimento nellinfermeria del carcere. Corradi sembra piuttosto contrariato, in quanto questo lo obbliga a rimandare il suo piano per uccidere Ferri. Ascanio va a trovare Ettore per vedere quali siano le sue condizioni. Ettore è naturalmente contento di vederlo, anche se gli fa presente di aver capito che gli ha fatto ingerire a sua insaputa una sostanza che lo ha fatto star male. Ascanio ammette di averlo fatto, ma si giustifica evidenziando come questo lo ha salvato dallattentato che Corradi aveva preparato nei suoi confronti. Ettore nonostante non gradisca il fatto che vengano prese decisioni sulla sua vita, lo ringrazia molto.

Qualche ora più tardi, si presenta nellufficio della direttrice la figlia di Ettore, Diana (Daniela Fazzolari) che è venuta per far firmare alcuni documenti al padre che servono per ufficializzare le sue dimissioni di presidente e la conseguente elezione a tale ruolo di lei stessa. Ovviamente viene avvertita del fatto che il padre ha avuto un malore durante la notte. Diana vuole però constatare di persona quale sia lo stato di salute del padre e si fa accompagnare nella stanza dove è ricoverato. Diana abbraccia il padre e soprattutto ringrazia Ascanio in quanto ha saputo che lo ha soccorso lui.

Intanto, a cena Sebastian (Michele D’Anca) è stretto tra due fuochi. Da una parte c’è la sua futura moglie Laura (Elisabetta Coraini) e dall’altra c’è Margot (Gaia Messerklinger) che gioca a farlo ingelosire con il nuovo addetto stampa, Giordano. Sembra che Sebastian sia sull’orlo di scoppiare, tant’è che se la prende con il povero Giordano, facendogli presente un ritardo sulla consegna di un lavoro. Intanto, Thomas (Brando Giorgi) sta cercando in ogni maniera di far tornare il sereno nel rapporto tra la sua ex moglie Daniela (Monica Ward) e la loro figlia Margot. Per il momento quest’ultima non sembra per nulla propensa nel mettere da parte anni di assenza da parte della madre.

Per Damiano (Jgor Barbazza) invece, ci sono dei guai in vista dato che dopo aver minacciato davanti a tutti Zanasi (Renato Raimo), quest’ultimo è stato ritrovato in fin di vita dopo un pestaggio. Infine, Carol (Mariana De Micheli) è stanca di attendere che Yuri (Andrea Bullano) sia fermato dalla polizia e per questo indice una conferenza stampa nella quale mostra la sua foto dicendo che chi gli darà utili informazioni per trovarlo sarà ricompensato.

 

Trama puntata 20 febbraio 2013 Cecilia sospetta che dietro la violenta aggressione subita da Zanasi ci sia Damiano. Quest’ultimo, sentendosi tradito, scatena la sua rabbia contro Viola, tornata tra le braccia di Brando. L’iniziativa di Carol fa esplodere la collera di Cecilia, che se la prende anche con Thomas. Intanto Margot continua a provocare Sebastian, prossimo a sposarsi con Laura…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori