CHE BELLA GIORNATA/ Checco Zalone nel suo secondo film. La trama

- La Redazione

La comicità e l’estro di Checco Zalone ai massimi livelli in Che bella giornata, in onda su Canale 5 questa sera. Risate assicurate per il film record d’incassi al cinema nel 2011

telecomando_R439
InfoPhoto
Pubblicità

Questa sera su Canale 5 alle 21.10 andrà in onda il film comico Che bella giornata con Checco Zalone (il personaggio interpretato da Luca Medici), uscito nelle sale italiane nel 2011 per la regia di Gennaro Nunziante. Dopo il grande successo di pubblico con il debutto cinematografico di Zalone con il film Cado dalle nubi del 2009, sempre diretto da Nunziante, il comico pugliese torna a far ridere gli italiani con grandi risultati di incassi. Infatti, al botteghino il film ha incassato più di 43 milioni di euro diventando così il film italiano di maggior successo commerciale. Perfino La vita è bella di Benigni che deteneva il record dal 1997 è stato superato. A oggi quindi il film è anche la pellicola di maggior successo in assoluto dopo i 60 milioni di euro di incasso di Avatar di James Cameron nel 2010, che però era un film con biglietto maggiorato per via della proiezione in 3D. La coppia vincente Zalone-Nunziante sta per tornare con una nuova opera dal titolo Sole a catinelle.

Il film di questa sera, pur essendo leggero e molto divertente, come nel tipico stile di Zalone tratta, anche temi più seri come la raccomandazione per trovare lavoro in Italia, l’imprevedibilità delle scelte della vita, la discriminazione e i pregiudizi verso gli stranieri e il rapporto tra nord e sud Italia. Nel cast da segnalare un cameo del cantante Caparezza che canta il suo brano “Vieni a ballare in Puglia” e “Sarà perché ti amo” dei Ricchi e Poveri, mentre la fidanzata nella vita reale di Zalone, Mariangela Eboli, ha recitato il ruolo della cugina Susi, cantando la canzone “Non amarmi” insieme a Caparezza.

Pubblicità

Questa sera, il film di Canale 5 dovrà vedersela con la concorrenza di un nuovo episodio della seconda serie di Che Dio ci aiuti su Rai Uno, con il nuovo talent show The voice of Italy su Rai Due, con i documentari de La grande storia su Rai Tre. Le altre reti Mediaset propongono il match di Europa League Lazio-Stoccarda su Rete 4, il film d’azione Into The Sun con Steven Seagal su Italia 1, mentre su La7 lappuntamento è con il talk show politico di Michele Santoro Servizio Pubblico.

Pubblicità

Vediamo ora la trama di Che bella giornata. Checco (interpretato dallo stesso Zalone) è un ragazzo di origini pugliesi che si ritrova nel pieno nord Italia a fare il buttafuori per sbarcare il lunario in una piccola discoteca della Brianza. Il suo sogno però è quello di fare il carabiniere, seguendo le orme dello zio. Purtroppo per via di una serie di circostanze rocambolesche viene respinto per ben tre volte al colloquio per entrare nell’arma, per colpa anche del colonnello Gismondo Mazzini (interpretato da Ivano Marescotti). In seguito viene raccomandato nientemeno che all’arcivescovo di Milano, il cardinale Rosselli (interpretato da Tullio Solenghi) e riesce a trovare lavoro come addetto alla sicurezza presso il Duomo di Milano.

Qui ha un primo incontro, o per meglio dire scontro, con Farah (che ha il volto dell’attrice tunisina Nabiha Akkari) una ragazza di origini mediorientali che si presenta come una studentessa di architettura. In realtà, Farah è in combutta con un gruppo di terroristi insieme tra gli altri al fratello Sufien (l’attore Mehdi Mahdloo) con l’intento di far esplodere un ordigno esplosivo nella cattedrale, come vendetta per aver perso alcuni membri della loro famiglia durante un bombardamento causato dall’esercito italiano.

Checco, ammaliato dal fascino della ragazza, non riesce a capire quali sono le sue vere intenzioni. Con il tempo Checco e Farah stringono una sincera amicizia, fatta anche di episodi molto buffi tra i due e gli fa conoscere la sua famiglia, tra cui il padre Nicola (interpretato da Rocco Papaleo), con una visita ad Alberobello.

Ciò provoca il suo ripensamento sul drammatico gesto che vorrebbe intentare. Capendo che ci sono italiani come Checco che hanno valori importanti come l’umiltà e il rispetto per gli altri, Farah prima di partire per ritornare al suo Paese dona a Checco la valigetta in cui è contenuta la bomba e…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori