LE IENE SHOW/ Anticipazioni: dopo Vannoni, la storia di Sofia, a cui è negato il Protocollo Stamina per le cure con le cellule staminali

- La Redazione

Nella puntata di Le Iene show, di oggi 3 Marzo 2013, vedremo le inchieste sui pacchi regalo al Ministero dello sviluppo economico e si torna a parlare di cure con le staminali

iene-show
Ilary Blasi e Teo Mammucari - Infophoto

Questa sera, domenica 3 marzo 2013 alle ore 21.25, nuovo appuntamento con Le Iene show, il programma di Italia 1 condotto dalla veterana Ilary Blasi e Teo Mammucari, accompagnati dalla voce fuori campo della Gialappas Band, Giorgio Gherarducci, Marco Santin e Carlo Taranto. Tra i servizi di cronaca e attualità, le inchieste scomode e le dissacranti interviste in questa puntata vedremo Filippo Roma indagare sul continuo via vai di fattorini con pacchi regalo dentro e fuori dal Ministero dello Sviluppo Economico qualche giorno prima di Natale. La iena scoprirà che allinterno del Ministero esiste una stanza adibita allo smistamento dei regali indirizzati ai Ministri da parte delle compagnie petrolifere o grandi aziende. Sempre Filippo Roma si occuperà dell’ISFOL (Istituto per lo Sviluppo della Formazione professionale dei lavoratori), ente di ricerca controllato dal Ministero del Lavoro. Secondo l’inchiesta dell’inviato delle Iene, che ha intervistato alcuni collaboratori dell’Istituto, da metà anni 90 fino al 2007, lISFOL ha fatto lavorare circa 200 persone con contratti di collaborazione coordinata e continuativa, i contratti co.co.co. I collaboratori dichiarano però di aver avuto gli stessi obblighi e mansioni dei dipendenti effettivi: otto ore lavorative giornaliere, presenza quotidiana, obbligo di stesura del piano ferie. Nel 2007 gli ispettori del Lavoro hanno svolto alcune indagini sull’ISFOL e dai verbali, recentemente resi pubblici, è stato stabilito che l’istituto deve versare all’INPS più di 1 milione di euro per regolarizzare i contributi degli otre 200 collaboratori. A fine 2012, Filippo Roma aveva cercato di intervistare sulla vicenda Elsa Fornero, Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali nel Governo Monti, ma senza successo. 

Anche questa sera si torna a parlare delle cure con le cellule staminali. Settimana scorsa era stato intervistato il professor Vannoni e, a seguito delle sue parole, in redazione sono arrivate numerose lettere. Giulio Golia racconta la storia di Sofia, una bambina di 3 anni e mezzo, affetta da una malattia neurodegenerativa, la leucodistrofia metacromatica. La iena intervista i genitori della bambina che chiedono che loro figlia possa essere sottoposta alla cura con le cellule staminali, dopo che a dicembre 2012 il giudice del lavoro di Firenze ha deciso di bloccare la cura con Protocollo Stamina.

Un anno fa un’inchiesta delle Iene ha dimostrato come alcune farmacie staccassero le fustelle dai farmaci e le mandassero poi all’ASL, dopo averle applicate alla ricette mediche. Dopo che il codice a barre veniva rimosso, alcuni farmaci venivano rivenduti senza fustella ai clienti senza ricetta. Così facendo la farmacia guadagnava due volte con un solo farmaco. Da tempo in Italia si sono fatti numerosi tentativi per evitare queste truffe: nel 2002 nel Lazio si è deciso che, per un mese, a una ricetta potesse corrispondere una sola fustella, così facendo la spesa farmaceutica è diminuita del 39% con un risparmio di 53 milioni di euro in un solo mese. A febbraio 2012, la iena Nadia Toffa ha intervistato il Ministro della Salute Renato Balduzzi per capire come mai non si è proseguito con questi tentativi anti-truffa. Il Ministro ha dichiarato che a settembre sarebbe stata introdotta la ricetta elettronica, che avrebbe evitato queste situazioni. A oggi, come testimonia l’inviata delle Iene recandosi in numerose farmacie, la situazioni non è cambiata.

Nella puntata di questa sera Pio e Amedeo, gli “ultras dei vip”, dedicheranno i loro cori da stadio a Nicole Minetti, ex consigliere della regione Lombardia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori