UN MEDICO IN FAMIGLIA 8/ Anticipazioni. Paolo Sassanelli: in arrivo sorprese “imperdibili”. Nella nona serie ci sarò

- int. Paolo Sassanelli

Nonostante ci tenga compagnia da quasi dieci anni, il successo di Un Medico in Famiglia non accenna a diminuire. PAOLO SASSANELLI ci svela i segreti di questa ottava stagione

sassanelli_r439
Foto Infophoto

Nonostante ci tenga compagnia da tantissimi anni, il successo di Un Medico in Famiglia non accenna a diminuire e questa sera, domenica 5 maggio, è di scena l’undicesima puntata della nuova stagione (clicca qui per le anticipazioni della dodicesima puntata di domenica 12 maggio). Un “veterano” della fiction di casa Rai è il dottor Oscar Nobili, interpretato da Paolo Sassanelli, che dal lontano 6 dicembre 1998 (giorno d’esordio della serie) fa parte delle avventure della clinica e della famiglia Martini. Al contrario di Giulio Scarpati e di Francesca Cavallin, pronti (a quanto pare) ad abbandonare Un medico in famiglia dal prossimo anno, Sassanelli conferma la sua presenza anche nella nona attesa stagione, le cui riprese dovrebbero iniziare al termine dell’estate. In attesa di scoprire chi sarà il nuovo “medico in famiglia” al posto di Lele Martini, IlSussidiario.net ha intervistato l’attore che da otto anni veste i panni di Oscar Nobili.

Cosa si prova a interpretare un personaggio televisivo per così tanto tempo?

Oscar Nobili è ormai diventato parte integrante della mia vita lavorativa e ogni volta sono contentissimo di interpretare questo ruolo. E’ anche bello il fatto che, anno dopo anno, mi venga rinnovata la fiducia da parte della Publispei (la casa di produzione della serie, ndr): spesso tanti attori, per impegni lavorativi o per altri motivi, non hanno potuto continuare a recitare in Un medico in famiglia, quindi è un vero piacere per me continuare a far parte del cast. Ovviamente la mia carriera non è solo questo, però è sempre bello tornare su questo set.

A proposito del set, come è cambiato in questi anni il rapporto con gli altri attori e con lo staff della serie?

Sembra incredibile ma, fin dalla prima serie l’atmosfera è ogni volta la stessa. Quello di “Un medico in famiglia” è un ambiente di lavoro estremamente piacevole, dove tutti gli attori, anche grazie al fatto che molti di loro sono lì da parecchio tempo, si sentono sempre a proprio agio. Questo ovviamente è bellissimo, quindi credo che in un contesto del genere un attore sia sempre spronato a dare il meglio, puntata dopo puntata.

Quali crede siano i segreti del grande successo della serie?

Innanzitutto la semplicità. Un medico in famiglia è una fiction capace come poche altre di “parlare” al proprio pubblico, ma in un modo sempre molto chiaro e diretto. Le avventure di casa Martini, le vicissitudini all’interno della clinica, le storie dei ragazzi: sono tutte dinamiche in cui le persone si riconoscono e che appassionano proprio per la loro semplicità e genuinità. Inoltre, nonostante sia ormai presente da otto anni, è una serie che riesce a non essere mai banale o ripetitiva, il che non è facile per un prodotto televisivo.

Questa ottava stagione, inoltre, affronta alcune tematiche molto attuali come la crisi economica, attraverso alcune difficoltà finanziarie o lavorative dei protagonisti…

Certo, gli autori hanno deciso di parlare maggiormente del presente e di tutte le difficoltà che inevitabilmente stanno caratterizzando questo particolare periodo storico. Ovviamente questo non è facile, visto che una fiction viene pensata mediamente un anno prima della messa in onda, invece credo che Un medico in famiglia riesca a essere sempre al passo coi tempi e a descrivere bene le diverse sfaccettature della società italiana.

 

Può darci qualche anticipazione delle prossime puntate?

Ovviamente non posso dire molto, ma sicuramente le vicende legate alla clinica troveranno una soluzione definitiva verso le ultime puntate, quando verrà messa a dura prova l’etica professionale delle persone che vi lavorano quotidianamente. Insomma, la clinica continuerà a esercitare, ma verrà proposto un modo decisamente nuovo di farlo. Nelle ultime puntate, inoltre, questa ottava stagione riserverà al pubblico alcune sorprese da non perdere.

 

Lei sarà presente anche l’anno prossimo?

Sì, io ci sarò. Francamente non so quali attori siano stati confermati e quali invece no, ma le posso assicurare che sarò presente anche nella nona stagione. Le riprese ancora non sono iniziate, ma credo che dovrebbero prendere il via quest’estate o subito dopo.

 

Oltre a Un medico in famiglia, dove la potremo vedere?

Oltre ad aver fatto un film con i Manetti Bros questo inverno, ho lavorato molto in teatro e continuerò a lavorare in teatro. Ho un progetto molto importante da regista che andrà in scena a novembre e che spero possa concludersi positivamente.

 

(Claudio Perlini)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori