CENTOVETRINE/ Anticipazioni: Zeno torna da Cecilia. Parlano Linda Collini e Massimiliano Vado

- La Redazione

Una divertente doppia intervista: prima ai due personaggi della soap opera, poi ai due attori che li interpretano. Ecco cosa ne è venuto fuori, le loro parole

centovetrine_R439
Infophoto

Centovetrine, la soap opera italiana più famosa viaggia spedita verso la quattordicesima stagione, il cui inizio è previsto per settembre di quest’anno. Vedremo il ritorno di Zeno Bauer, fratello di Damiano, che ha avuto una storia tormentata con Cecilia Castelli. Gli attori Linda Collini e Massimiliano Vado si sono raccontati a viso aperto, in una intervista concessa al sito Tvblog. In cui parlano di tutto, sia nelle vesti dei due protagonisti della soap, che in quella di Linda e Massimiliano. Divertente ad esempio quando i due raccontano le emozioni suscitate dal loro primissimo incontro (sono i due protagonisti fittizzi a parlare): una ragazzina viziata con lo sguardo strafottente, dice lui; un pazzo dice lei, che però quando si è tolto il passamontagna aveva qualcosa in più di una bella voce. Quindi la favola da sogno dove ognuno porterebbe l’altro: per lei è La bella e la bestia, per lui è una di quelle cattive dei fratelli Grimm. Se fosse un film: sarebbe Moulin Rouge per Linda, e invece Come un tuono per Massimiliano. Naturalmente ognuno ha anche la sua canzone: Romeo and Juliet dei Dire Straits per lei, e invece per lui  Là ci darem la mano dal Don Giovanni di Mozart. Simpatiche anche le domande sulle città del mondo e cosa farebbero se ad esempio andassero a New York. Per Linda andrebbero a vedersi un incontro di boxe al Madison Square Garden, mentre per Massimiliano di corsa sulla cima dell’Empire. A Parigi invece un week-end romantico con regalo di lui a lei per il compleanno, mentre Massimiliano andrebbe alla galleria d’arte della Gare dOrsay.

Naturalmente ci sono anche le stesse domande rivolte alle due persone reali. La prima volta che si sono visti Linda ha pensato che lui era perfetto per il ruolo per cui era stato scelto mentre Massimiliano ha pensato che lei era stranamente timida per essere una attrice. Le domande vertono sull’impegno professionale: per Linda, lavorare con Massimiliano ha significato imparare la sua grande professionalitò così come la passione per questo tipo di lavoor. Lui invece confessa di rubare da lei molte volte la pazienza. La scena più difficile da girare? Per Linda sicuramente quella del primo arresto di Zeno in commissariato, per Massimiliano quelle relative agli incontri di pugilato. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori