QUINTA COLONNA/ Alba Parietti delusa dal Movimento 5 Stelle. Puntata 6 maggio 2013

- La Redazione

Una settimana di Governo Letta: è stato il tema al centro della puntata di Quinta Colonna, condotta da Paolo Del Debbio, in onda ieri lunedì 6 maggio

quintacolonna_DelDebbioR439
Quinta Colonna

Nella puntata di lunedì 6 maggio 2013 della trasmissione di approfondimento Quinta Colonna come sempre condotta da Paolo Del Debbio si parla di quello che sta succedendo in Italia nelle ultimi settimane e in particolare delle dimostrazioni di protesta che sono avute a Napoli durante la festa del 1 maggio, delle polemiche e gli strascichi di alcuni dichiarazioni sullattentato di Piazza Montecitorio con il ferimento di due carabinieri, della crisi e di quello che il neo Governo presieduto da Enrico Letta vuole fare per rilanciare una situazione sempre più difficile. Per parlare di tutto questo ci sono in studio nelle vesti di ospiti il presidente dellassociazione Federconsumatori Rosario Trefiletti, lonorevole Daniela Santanchè del Popolo della Libertà, lonorevole Gianfranco Librandi di Scelta Civica, la rappresentante del Partito Democratico Carmela Rozza, Alba Parietti, il cantautore e presentatore Enrico Ruggeri mentre in collegamento cè lonorevole Paola Balducci di Sinistra Ecologia e Libertà. Si incomincia a parlare della situazione economica del Paese con gli ultimi dati emersi proprio in giornata e che parla di una previsione per il 2013 del Prodotto Interno Lordo che dovrebbe scendere dell1,4% mentre i primi segnali di ripresa dovrebbero essere avvertiti soltanto nel 2014 quando dovrebbe passare in positivo ma soltanto per un 0,7%. Purtroppo anche per loccupazione cè la continuazione di un trend negativo dato che alla fine di marzo 2013 la disoccupazione è salita all11,5% e si prevede che tra la fine di questanno e linizio del prossimo dovrebbe sfondare quota 12,0%. Nel frattempo il Governo come sottolineano anche attraverso alcuni filmati degli esponenti, si appresta a dare i primi segnali tesi alla crescita nei primi suoi 100 giorni. Al momento si sente parlare soprattutto dellIMU che come ha detto lo stesso Presidente del Consiglio sarà almeno bloccato il pagamento della prima rata di giugno relativa agli immobili di prima casa. Ovviamente qui cè uno scontro tra il Pd e il Pdl, con questultimi che non solo vorrebbero cancellarla ma anche fare in modo che venga restituita quella del scorso anno per la prima casa. Il problema è che sembra che non ci siano i fondi adatti per fare questo e semmai il Partito Democratico come del resto sottolinea lesponente Carmela Rozza, ha intenzione di alleggerire le tasse sul lavoro in maniera tale da creare degli incentivi allassunzione soprattutto per favorire i più giovani il cui relativo tasso di disoccupazione è ormai prossimo al 40%. Il focus del discorso si sposta su quello che sta succedendo alla Partito Democratico e in particolare alle proteste della base che hanno occupato in tutta Italia le migliaia di sezioni provinciali e regionali presenti, in segno di protesta nei confronti dellaccordo che Letta ha dovuto fare con il Pdl per garantire un governo al Paese in questa delicatissima fase. Durante la trasmissione intervengono diversi elettori del Pd soprattutto dalla piazza collegata da Schio in provincia di Vicenza, con un diffuso mal di pancia che assolutamente non avrebbero voluto un accordo con il Pdl anche perché in campagna elettorale lex segretario Pier Luigi Bersani aveva più volte evidenziato che non si sarebbe mai giunti a questo punto. Sia la Santanchè che la Rozza, sottolineano però come in questo momento bisogna mettere da parte le divisioni ideologiche e cercare di fare il bene di questo Paese per tirarlo fuori finalmente da questa crisi. Si passa a parlare del Movimento 5 Stelle e in particolare del fatto che allo stato attuale delle cose i deputati non abbiano ancora restituito la parte superflua del loro stipendio che ancora non si è deciso e in che misura. Il punto della questione è che questo era stata fatta come un punto cruciale durante la campagna elettorale fatta da Beppe Grillo e che per il momento è stata disattesa visto che dei 18 mila euro presi mensilmente compreso la diaria, non è stato restituito nemmeno un centesimo. La Parietti che nelle scorse puntate pur essendo dichiaratamente sostenitrice del Pd, aveva palesato delle parole di apprezzamento nei confronti del Movimento, ora è piuttosto critica verso di loro in quanto hanno mostrato di sapere dire soltanto di no a qualsiasi proposta che gli è stata avanzata facendo opposizione a tutto. In particolare rimprovera il fatto di non aver fatto in modo che nascesse il Governo Bersani che avrebbe portato a termine gli otto famosi punti. Si passa a parlare delle difficoltà del Paese con le proteste di Napoli dove la povertà sta raggiungendo livelli molto preoccupanti. Insoddisfazione e emergenza che hanno fatto in modo che scoppiasse proprio in occasione della festa dei lavoratori una forte protesa con conseguente annullamento della manifestazione. Inoltre, si parla delle parole con cui la Presidente della Camera Laura Boldrini ha giustificato lattentato di Palazzo Montecitorio evidenziando come la crisi sta facendo in modo che le vittime si stiano trasformando in carnefici. Lopinione pubblica su queste parole si è spaccata con la maggior parte di essa che le condannano perché non ci può essere nessuna ragione che giustifichi un atto di violenza come quello che ha visto protagonista Prieti con cui avrebbe voluto uccidere un politico qualsiasi salvo poi sparare a due carabinieri.

Infine, si parla di quello che dovrebbe fare il Governo con Enrico Ruggeri che sottolinea come in virtù di mal di pancia di tutta Italia e delle basi di Pd e Pdl, esso sia costretto a fare bene altrimenti ci potrebbe essere una ulteriore difficoltà del sistema politico. Parole che vengono condivise anche dalla Santanchè che torna a rimarcare come sia difficile sia per il Popolo della Libertà e sia per il Partito Democratico aver dovuto mettere da parte le proprie ideologie e cercare di trovare la maggior condivisione possibile per far nascere un Governo che ponga le basi per ripartire.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori