POMERIGGIO CINQUE/ Ospite Domnica Cemortan, la moldava amica del comandante Schettino

- La Redazione

La donna moldava accusata di essere l’amante di Schettino ricostruisce la sua versione degli ultimi istanti a bordo del Costa Concordia al programma Pomeriggio Cinque

schettino_R439
Immagine di archivio

In molti ricorderanno la misteriosa moldava, la donna avvistata in compagnia del comandante Schettino nelle ultime tragiche ore del naufragio del Costa Concordia all’isola del Giglio. Si trattava di Domnica Cemortan: in molti diffusero ipotesi di colpevolezza sul suo conto. Schettino cioè si sarebbe distratto con l’affascinante signora invece di pensare a quello che stava succedendo. La Cemortan è stata ospite del programma Pomeriggio Cinque in cui ha raccontato la sua versione dei fatti. Come prima cosa ha escluso di essere mai stata l’amante di Schettino, come in molti invece dicevano. Ha ammesso di essersi cambiata nella sua cabina e di essersi recata sulla plancia dei comandi su invito del comandante stesso dopo che avevano cenato insieme. Il fatto che si sia cambiata nella cabina di Schettino, spiega, è stato perché una volta salita sulla nave non le era stata assegnata una cabina ed era costretta ad aspettarne una. La donna conosceva già Schettino e diversi membri dell’equipaggio; in attesa di avere la sua cabina ha raggiunto il comandante e altri membri che erano a cena, dove ha preso con loro il dessert. Ha ammesso poi che Schettino le abbia detto di essere bellissima e quindi l’ha invitata in plancia a vedere il panorama. Ed ecco il momento dell’incidente: Abbiamo avuto un incidente, ma non abbiamo sentito lurto contro le rocce perché eravamo a prua. Ricordo che il capitano disse che bisognava capire la situazione, cosa fosse successo. Racconta che Schettino dava gli ordini ma secondo lei qualcuno dei suoi uomini non li ha intesi bene e da lì è nata tutta la tragedia che conosciamo. “Un ufficiale ripetè erroneamente lordine di Schettino e lui si arrabbiò tantissimo, poi ci fu limpatto con la roccia. Credo che lerrore si stato fatto dallultimo ufficiale della catena conclude. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori