UNA VOCE PER PADRE PIO/ Massimo Giletti con Raf, Marco Carta, Toto Cotugno e tanti ospiti. Il riassunto

- La Redazione

Il programma trasmesso ieri sera in diretta da Pietrelcina dedicato a Padre Pio è stato il più visto alla televisione ieri venerdì 28 giugno. Ecco il riassunto

giletti_r439
L'Arena di Giletti (Infophoto)

Un programma che ha ottenuto un grande successo di pubblico, risultando quello più visto ieri sera alla televisione. Segno del grande affetto che circonda tutt’oggi la figura di Padre Pio. Ma vediamo cosa si è visto. In diretta da Pietrelcina, con la conduzione di Massimo Giletti, Una voce per Padre Pio si apre con Toto Cutugno che canta “Gli amori”. Al termine della canzone, Giletti fa il suo ingresso e, dopo aver salutato il pubblico, intervista il cantante chiedendogli di condividere le emozioni sentite sul palco della cittadina di Padre Pio. Toto Cotugno esprime una forte emozione: è come se sentisse la forza di Padre Pio.

Accanto a Massimo Gilletti nella conduzione c’è Maddalena Corvaglia. Obiettivo della serata è aiutare i bambini dell’Africa, grazie all’aiuto dei telespettatori. In una zona dove moltissimi bambini non riescono ad arrivare a cinque anni di vita, arriverà l’intervento solidale derivante dai proventi della trasmissione. Inviando sms al 45502 da casa, infatti, il pubblico potrà donare 2 euro per ogni messaggio nell’ambito del “Progetto Africa 2013”. Tutto il bene fatto dalla solidarietà è testimoniato da un videoclip girato in Costa d’Avorio. Lo spettacolo continua con Patty Pravo che canta “E dimmi che non vuoi morire”, scritta da Vasco Rossi. Dopo un personale appello alla raccolta fondi, la celebre cantante racconta le tappe del suo prossimo tour. E’ il momento, per il conduttore, di raccontare la storia di Fernandito, un bambino costaricano. In studio ci sono i suoi genitori, il padre è l’ambasciatore del Costa Rica. Prima della sua nascita, i medici scoprirono che Fernandito aveva una malformazione cardiaca, per la quale fu operato alla nascita. I due genitori raccontano di come Padre Pio abbia avuto un ruolo nella storia del bambino. Nel corso della gravidanza, infatti, si trovarono in una chiesa ospitante una reliquia del frate, non conoscendo per niente Padre Pio. Dopo la nascita del piccolo, il prete di quella chiesa fu avvisato del problema del bambino e, recatosi in ospedale, pregò per lui. La preghiera del prete ebbe i suoi effetti: il tracciato cardiaco divenne regolare, il bambino era guarito. Il prossimo ospite è Orietta Berti che canta “Quando l’amore diventa poesia”. La cantante, devota di Padre Pio, ha visitato tutti i conventi in cui il frate ha vissuto. E’ il momento di Lina Sastri che recita un brano dagli scritti del padre cappuccino. Arriva Giancarlo Giannini, per un’intervista, gran parte della quale è dedicata alla fede dell’attore, sottolineando la forza che trasmette. Torna sul palco Toto Cutugno che canta una ninna nanna speciale, dedicandola a tutti i bambini del mondo; per farlo, chiama sul palco i bambini del pubblico che lo accompagneranno con la loro voce. Un’intervista al cantante segue la sua perfomance. Il prossimo ospite è Raf che delizia il pubblico cantando “Oggi un Dio non ho”. Subito dopo, Raf, come tutti gli altri, fa il suo appello al pubblico per inviare un sms per i bambini africani. Lo spettacolo prosegue con il collegamento in diretta dalla Sardegna con Tito Stagno, giornalista pilastro della Rai che conobbe Padre Pio a San Giovanni Rotondo nel 1956 in occasione dell’inaugurazione dell’ospedale “Casa sollievo della sofferenza”. Nel corso dell’intervista, viene ricordato lo sbarco sulla Luna, seguito proprio dal giornalista. Torna sul palco Lina Sastri, per emozionare il pubblico con la lettura di un secondo brano, seguita da Frate Alessandro, che canta “Mamma”. Frate Alessandro è famoso nel mondo per il suo canto, tanto da aver venduto 100.000 copie del suo cd. Ritorna sul palco Patty Pravo che canta “Il paradiso”. Un nuovo momento di profondità arriva con Giancarlo Giannini che legge alcune parole pronunciate da Papa Paolo VI su Padre Pio. Per il conduttore è il momento di raccontare la storia di un uomo che in passato, nonostante sapesse che Padre Pio non amava essere ripreso, decise di giungere nella sua chiesa per filmarlo. In studio, dopo aver trasmesso le immagini da questi registrate nel 1949, Giletti intervista la moglie che racconta di come il marito riuscì a riprendere nascondendo la telecamera in una scatola. In seguito, Orietta Berti porta nello spettacolo la canzone “La voce del silenzio” di Massimo Ranieri. Lo spettacolo continua parlando con Don Flavio della storia di Padre Pio e del processo subito per le sue stimmate. Per approfondire quanto accaduto nel corso dell’inchiesta ecclesiastica, viene proposta una ricostruzione video di un racconto fatto dallo stesso Padre Pio sulla comparsa delle sue stimmate. Concluso l’interessante approfondimento, si ritorna alla musica con Raf che canta “Un’emozione inaspettata”. Padre Pio torna al centro dell’attenzione: Giletti ricorda la signora polacca amica di Karol Wojtila e malata di tumore, guarita grazie all’intervento del frate. La voce di Elhaida Dani, riempie lo spazio successivo, riscaldando i cuori degli spettatori con “Adagio”. La grandezza dell’esibizione della giovane porta i conduttori a chiedere per lei un applauso speciale. Con la voce rotta dal pianto, la cantante spiega di provare un’emozione fortissima e si concede al pubblico per una seconda canzone, “Baciami e basta”. In seguito, Giletti presenta il piccolo Kris, bambino africano nato sordo che ha recuperato l’udito grazie ad un intervento al Santobono di Napoli; a seguire, un gruppo di ballerini africani si esibisce in una danza tribale. E’ il momento di Marco Carta che canta “Ti voglio bene”, scritta da lui e dedicata alla madre. Il giovane cantante fa il suo appello: pensare un po’ di più agli altri favorisce la nascita di un sorriso in più. Non manca un accenno al senatore Andreotti e alla sua devozione per Padre Pio nel corso dell’intervista a Padre Marciano Morra. Accompagnata dalla fisarmonica, Lina Sastri canta “Era de maggio”. Dopo i ringraziamenti dei conduttori, Frate Alessandro chiude lo spettacolo cantando “Fratello Sole sorella Luna”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori