SERVIZIO PUBBLICO PIU/ Puntata 6 giugno, speciale Cosa Vostra sulla trattativa Stato-mafia

- La Redazione

Cosa vostra, lo speciale di Servizio Pubblico più, a cura di Dina Lauricella, Walter Molino e Sandro Ruotolo andrà in onda questa sera su La7. Al centro del reportage Bernardo Provenzano

ruotolo439
Infophoto

La settimana scorsa si è conclusa la stagione di Servizio Pubblico, il programma di approfondimento condotto da Michele Santoro con la partecipazione di Marco Travaglio e Giulia Innocenzi. Questa sera, giovedì 6 giugno, sempre su La 7 alle ore 21.10 va in onda Servizio Pubblico più, lo spazio di approfondimento dedicato ai misteri della trattativa Stato-mafia. Lo speciale si intitola Cosa vostra e inaugura la nuova serie, dopo quello dal titolo Quando la banda passò sul sequestro del ragionier Spinelli e Un Paese fuori di testa sulle conseguenze delle politiche di austerity nel nostro Paese. Mentre nel cuore di Brancaccio, il regno dei fratelli Graviano, si ricomincia a sparare, nei palazzi tornano a circolare veleni e mistero, a cominciare proprio da Palermo.

In questo reportage, a cura di Dina Lauricella, Walter Molino e Sandro Ruotolo si analizzerà la delicata posizione di Nino Di Matteo, il magistrato che ha mandato a processo boss, politici e carabinieri coinvolti nella trattativa Stato-mafia, che da mesi riceve lettere di minaccia:Non fidarti di nessuno. Cè qualcuno che ti spia e riferisce tutto a una centrale di Roma.

Certamente una vicenda poco chiara sulla quale i giornalisti di Servizio Pubblico provano a fare chiarezza rispondendo a domande come queste: chi è lanonimo? E quali sono le ragioni che lo muovono? Chi cè dietro questa nuova strategia della tensione? E ancora una volta il personaggio chiave non può che essere Bernardo Provenzano, lultimo grande boss di Cosa nostra, che secondo la Procura di Palermo è stato il garante del patto tra lo Stato e la mafia, quella trattativa svelata da Massimo Ciancimino, e intervistato da Sandro Ruotolo, pochi giorni prima del suo recente arresto.

Zu Binnu doveva rimanere libero, secondo le clamorose e inedite testimonianze di due carabinieri che hanno lavorato per anni a caccia del boss. È per questo che Provenzano forse fa ancora paura? Dal presunto tentativo di suicidio alle molte cadute in carcere, quali misteri avvolgono la sua detenzione? Qualcuno lo vuole fare tacere?

Nel corso dello speciale ci sarà anche la ricostruzione a fumetti degli interrogatori di zu Binnu, i video esclusivi dei colloqui nel carcere di Parma del boss di Corleone con i familiari, e le interviste esclusive a Nino Di Matteo e Piergiorgio Morosini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori