ONE DIRECTION/ Harry Styles vomita sul palco durante un concerto. Quale causa per l’incidente?

- La Redazione

Il più amato della boy-band si è reso, suo malgrado, protagonista di uno spiacevole siparietto durante un concerto a Pittsburgh ed è corso a nascondersi dietro le quinte 

harry-styles
Harry Styles

Piccolo e non proprio piacevole incidente durante il concerto dei One Direction tenutosi a Pittsburgh qualche giorno fa. Mentre i cinque divi si stavano esibendo davanti a centinaia di fan urlanti cantando con trasporto il brano “Rock Me”, Harry Styles, nel bel mezzo di una strofa, è corso come un fulmine dietro le cinque dove, a detta dei soliti bene informati, avrebbe vomitato a più riprese. I colleghi Liam Payne, Niall Horan, Zayn Malike Louis Tomlinson hanno fatto finta di non essersi accorti di nulla per non far preoccupare il pubblico: Harry è infatti il più amato della band dalle ragazzine e in non poche, vedendolo star male, avrebbero di certo perso la testa. Ma il mistero sulle indicibili cause del malessere che ha colpito il cantante permane: che il ragazzo abbia preso un colpo di freddo? O piuttosto la sua è stata una reazione psicosomatica allansia da palcoscenico? O, ancora, non sarà stata la peperonata? La versione ufficiale fornita dal manager della band è che Styles avesse contratto un terribile virus gastro-intestinale, aggravato dalla disidratazione e dalla fatica dellesibizione, ma sono in molti a non prendere per vero questo specchietto per le allodole e a credere che i cinque directioner, la sera prima del concerto come testimoniano alcuni video ripresi da fan presenti avessero alzato un po troppo il gomito al bowling, facendo le ore piccole e brindando alla salute del buon Harry. E un eloquente tweet di Liam parla chiaro circa la natura della serata di festeggiamenti che ha preceduto il concerto: “La mia testa fa male. Non riesco nemmeno a ricordare chi ha vinto al bowling”. A chiunque una frase del genere fa sorgere il legittimo sospetto che non hanno bevuto semplicemente coca-cola. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori